lunedì 30 gennaio 2017

Perché gli Antichi non soffrivano la dipendenza da droga?

Immagine correlata


Il termine droga ha tre significati ben precisi: identifica le spezie, individua alcuni farmaci, significa sostanza stupefacente. 

droga” discende dall’olandese droog, che significa “arido, secco”, poiché la droga è originariamente una "pianta secca", ovvero conservata e riservata agli usi della cucina e della farmacia. 
Anche alla farmacia, dunque, è collegato l’uso delle droghe.

Il valore medicinale delle droghe viene riconosciuto anche dai medici arabi dell’antichità. In Europa invece bisognerà attendere gli inizi del XIX secolo, con l’introduzione in ambito medico di sostanze ricavate dal papavero (l’oppio), usate come potentissimi calmanti. 


Risultati immagini per antichi droga
In seguito all’uso non terapeutico e alla scoperta degli psicoattivi/ricreativi associati all’uso di questi composti, la droga diventa sinonimo di sostanza stupefacente e di fatto inizia l'era del proibizionismo e la caccia alle streghe a tutte quelle piante in grado di modificare la coscienza.

Ma l'uso di droghe come stupefacente in realtà è antico quanto il mondo, e ha toccato praticamente tutte le civiltà e prima ancora tutte le tribù. 

Infatti, fin dai tempi più remoti, l’uomo ha sempre ricercato sostanze in grado di agire favorevolmente su psiche e corpo: per guarire le malattie, per migliorare le prestazioni fisiche e intellettuali, indurre felicità e annullare ogni sgradevole sensazione psico-fisica, per procurarsi il sonno, ottenere piacere fisico e mentale, e ultima, ma non meno importante, per scoprire se stessi, effettuando viaggi interiori negli abissi sconosciuti del proprio inconscio e anche oltre.




Nell’antichità non esisteva 
il problema morale all’uso di droghe.



Assumerle non era una questione di giusto o di sbagliato, esse rappresentavano semplicemente una parte fondamentale del rapporto con le divinità, un collegamento con la medicina, una connessione più intima con il proprio corpo e il proprio spirito.

Ma quello che stupisce di più è che nel mondo antico pre-industriale e pre-proibizionismo, dove ogni civiltà, tribù, cultura, aveva la sua "droga" a livello vegetale, al tempo stesso non soffrisse di dipendenza dalla stessa.

Perché?


Risultati immagini per giovani drogatiPerché l'assunzione di piante in grado di alterare la mente, veniva fatto solo in circostanze rituali, e tutto aveva una connotazione sacra, oggi invece oltre ad essere cambiate le droghe con l'avvento della chimica moderna, sono cambiati anche gli scopi, ed oggi lo scopo principale degli assuntori di droga è lo sballo, che tradotto in parole povere significa "evadere dalla realtà di merda in cui uno vive".

Perché è facile puntare sempre il dito contro i giovani che ricercano lo sballo a tutti i costi, a volte anche a rischio della propria vita, più difficile invece è ammettere che ritrovarsi catapultati in un mondo dove il cemento soffoca non solo l'erba, ma anche la nostra connessione con la Madre Terra, significa dolore, disagio, depressione, ansia, e chi vive in città lo sa benissimo.

Dove infatti si consuma più droga? 

Nelle città caotiche e grige o nelle poche verde campagne che ancora resistono alla mano violenta dell'uomo?

E' da stupidi pensare che i giovani vogliano sballarsi solo per il gusto di farlo, spesso lo fanno proprio perché non conoscono altra valida alternativa. Crescere in un contesto sociale dove perfino il gioco è stato vietato non può che produrre questi risultati.


Risultati immagini per bambini boschi
I bambini che sono cresciuti correndo nei boschi, saltando pozzanghere, costruendo capanne e resistendo alla pioggia più fitta pur di star fuori con i propri amici, difficilmente, molto difficilmente può cadere nella dipendenza da droga, e se lo fa è solo perché la realtà in cui vive si è snaturalizzata una volta divenuto adulto, e non è un caso che per esempio in Brasile, Messico, Argentina o in generale in Sud America, oggi troviamo moltissimi adulti, ma soprattutto ragazzi dipendenti da droga.



Perché questo? 

Perché quella gente discende da popolazioni da sempre abituate a vivere in contatto con la Madre Terra, ma che poi, con l'arrivo della civilizzazione bianca e della conseguente forzatura a vivere alla maniera degli occidentali, ovvero: 

- grandi città

- distruzione dell'ambiente naturale


- sfruttamento del sottosuolo 

- divisione della società in ricchi e poveri 

- installazione della proprietà privata 

- istruzione forzata

- lavoro coatto e monotono

- religione di massa


hanno fatto in modo che anche loro scoprissero le Tre Bestie: depressione - ansia - stress.



Risultati immagini per depressioneE che queste Tre Bestie portassero logicamente alla ricerca disperata di sbarazzarsi di loro, anche solo temporaneamente, e questo poteva avvenire solo evadendo la realtà.

La droga dunque continuerà a presentarsi come il mezzo per andare lontano, anche solo per poche ore, fino a quando la società stessa non cambierà, tornando ad abbracciare la Natura invece che tentare di dominarla a tutti i costi.

Possiamo concludere dicendo non è la droga in se da combattere, ma la Matrix infelice in cui viviamo.

Le piante psicoattive sono sempre esistite, probabilmente da milioni di anni prima ancora che il primo uomo comparisse sulla Terra, e allora che senso ha perseguitarle? Distruggerle? 

Secondo questo logica figlia dell'oscura era industriale, tutt'ora dominante, dovremmo illegalizzare tutti i rubinetti dell'acqua, poiché se uno scemo decide di bersi 20 bicchieri di fila senza mai tirare il fiato, rischia l'overdose, pardon, l'annegamento...


Risultati immagini per antichi droga
La ricerca degli stati alterati di coscienza è sempre esistita, in tutto in mondo, in tutte le epoche, al di là delle differenze sociali e razziali, al di là che si trattasse di culture avanzate come quella egizia o di tribù remote d'Africa. 

Quello che è cambiato da ieri ad oggi è lo scopo con cui si effettua l'assunzione di un composto in grado di alterare le nostre percezioni sensoriali, e mentre ieri lo scopo era puramente trascendente, religioso, estatico, e in poche parole con l'obbiettivo di scoprire qualcosa in più su se stessi e il mondo che ci circonda, oggi lo scopo è diventato l'opposto, è un fuggire da se stessi, isolarsi dal mondo conosciuto, spesso annebbiando la mente invece che illuminarla.

Ecco perché la dipendenza da "droga" nell'antichità era pressoché sconosciuta.


Perché allora non iniziare a creare città più armoniose e rispettose dell'ambiente in cui sono immerse?

Non sarebbe più educativo se a scuola portassero gli alunni almeno uno/due giorni al mese ad imparare ad amare la terra che calpestano? Con escursione in fiumi, boschi, valli, mari e montagne?

E perché non iniziare a creare una società più felice? Dove si torni a vedere i giovani giocare per strada invece che vederli rinchiusi tutto il giorno in casa a deprimersi e degradarsi?

Allora anche la dipendenza da droga non avrebbe più ragione d'esistere...


Daniele Reale



Per approfondire: http://win.storiain.net/arret/num203/artic2.asp

https://books.google.it/books?id=KnGrNJ8XvTUC&pg=PA44&lpg=PA44&dq=storia+piante+psicoattive&source=bl&ots=h5pPHouHsB&sig=DAIJREjfxh5k2L9UnScbNvVGb-4&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwif3oWIyunRAhUBxxQKHeWUCooQ6AEINTAE#v=onepage&q=storia%20piante%20psicoattive&f=false

domenica 29 gennaio 2017

Lo scopo occulto del controllo climatico e la degradazione dei 4 ELEMENTI



LA GEOINGEGNERIA 
E I QUATTRO ELEMENTI 



1) FUOCO: il sole viene coperto da velature chimiche e nuvole artificiali (SRM Solar Radiation Management). i raggi benefici vengono bloccati e si provoca un effetto lente che crea un aumento di raggi ultravioletti dannosi. La lunghezza d'onda dello spettro elettromagnetico viene alterata. questo causa eritemi , ustioni, tumori della pelle per l'uomo, mentre nella vegetazione, crescita rallentata e allungata, fioriture fuori stagione, bruciature delle foglie e dei tronchi.



Risultati immagini per riscaldatori ionosferici
2) ARIA; il cielo viene costantemente avvelenato sia da metalli pesanti rilasciati da aerei sia dall'emissione di onde elettromagnetiche da parte di riscaldatori ionosferici, torri GWEN poste in tutto il mondo. Problemi respiratori, cardiaci (malori e infarti improvvisi e ingiustificati), danni neurologici sono all'ordine del giorno. E' provato che le onde elettromagnetiche modificano il DNA , influiscono sull'equilibrio psicofisico e sul comportamento umano/animale e interferiscono con il ritmo naturale della terra di circa 8 hz .


3) TERRA queste sostanze ricadono inevitabilmente sui campi e su tutti i terreni rendendoli contaminati , improduttivi e sterili. (dov'è il tuo bio adesso ?) . I terremoti indotti , gli esperimenti nucleari e le trivellazioni completano l'opera di distruzione del territorio.


4) ACQUA il ciclo dell'acqua viene interrotto perchè le operazioni di geoingegneria rendono l'aria secca ed elettroconduttiva
Risultati immagini per privatizzazione dell'acquaI cumuli in formazione vengono distrutti alla base in modo da impedire all'umidità che evapora dai mari e dal terreno di condensare e di ricadere sotto forma di pioggia . si crea forte siccità in vaste aree (ecco come favoriscono la famosa corsa all'oro blu (ACQUA) che studiavo sui libri alle scuole ) e si da vita a cataclismi in zone circoscritte. (quello che la disinformazione di regime, tv e giornali chiamano il cambiamento climatico).


Durante la scrittura di questo post sono andato a cercare cosa si diceva nell'antichità dei 4 elementi

Ne parlavano greci , buddisti, cinesi , giapponesi, alchimisti e massoni . tra questi mi ha colpito molto parte della visione di Empedocle 450 ac, il primo a proporre quattro elementi e li chiama rizòmata ("radici", rizoma al plurale) di tutte le cose, immutabili ed eterne. 




L'unione di tali radici determina la nascita delle cose e la loro separazione, la morte. 


Si tratta perciò di apparenti nascite e apparenti morti, dal momento che l'Essere (le radici) non si crea e non si distrugge, ma è soltanto in continua trasformazione.


Risultati immagini per forze cosmiche
"L'aggregazione e la disgregazione delle radici sono determinate dalle due forze cosmiche e divine Amore e Discordia (o Odio), secondo un processo ciclico eterno. 

In una prima fase, tutti gli elementi e le due forze cosmiche sono riunite in un Tutto omogeneo, nello Sfero, il regno dove predomina l'Amore. 

Ad un certo punto, sotto l'azione della Discordia, inizia una progressiva separazione delle radici. 



Immagine correlataL'azione della Discordia, non è ancora distruttiva, dal momento che le si oppone la forza dell'Amore, in un equilibrio variabile che determina la nascita e la morte delle cose, e con esse quindi il nostro mondo.

Quando poi la Discordia prende il sopravvento sull'Amore, e ne annulla l'influenza, si giunge al Caos, dove regna la Discordia e dove è la dissoluzione di tutta la materia. A tal punto il ciclo continua grazie ad un nuovo intervento dell'Amore che riporta il mondo alla condizione intermedia in cui le due forze cosmiche si trovano in nuovo equilibrio che dà nuovamente vita al mondo. 

Infine, quando l'Amore si impone ancora totalmente sulla Discordia si ritorna alla condizione iniziale dello Sfero. Da qui il ciclo ricomincia."




ATTUALMENTE LA DISCORDIA STA SEPARANDO 
LE RADICI E PRENDENDO IL SOPRAVVENTO. 

LA RICETTA SEMBRA CHIARA.... 
MA SERVE AMORE PER LA VITA E PER IL PIANETA , NON INDIFFERENZA E ODIO



Fontehttp://attivissimavasto.blogspot.it/2017/01/la-geoingegneria-e-i-quattro-elementi.html

sabato 28 gennaio 2017

Chi sta causando la siccità al Nord Italia?

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, montagna, spazio all'aperto e natura



Chi sta causando la siccità al Nord Italia?



Ecco finalmente svelate le cause della grande siccità che sta affliggendo il Nord Italia in questo periodo.

Da tempo me lo chiedevo, poiché sopra la mia testa il cielo è ogni giorno azzurro, non si vede una scia, eppure è strano, non piove, non nevica e l'aria è pessima e insalubre, quando d'inverno è sempre stata pulita e respirabile, poi trovo queste foto pubblicate in un profilo, devono essere state scattate più a nord di dove mi trovo io, e....svelato il mistero:

Queste foto a mio modesto parere, dimostrano che stanno bloccando tutte le perturbazioni nuvolose provenienti da Austria e Germania, letteralmente le dissolvono con questa barriera di scie artificiali, che con molta probabilità, contengono delle particelle in grado di prosciugare l'umidità e quindi dissolvere le nuvole stesse...

Lo scopo?

Pare essere di tipo economico, ovvero piegare l'economia locale che come sappiamo nei mesi invernali si regge sugli impianti sciistici, gli alberghi, gli hotel e il turismo in generale portato dalla neve.

Inutile dire che la grave assenza di precipitazioni ha fatto in modo che le riserve d'acqua si siano rapidamente svuotate e questo potrebbe avere gravi ripercussione sulla terra quest'estate...


"Hanno trasformato il Belpaese e l’Europa in una gigantesca camera a gas, grazie alle complicità istituzionali e all’omertà dilagante degli scientisti

Si tratta di accordi internazionali, indirizzati a costituire un alibi per le inevitabili violente mutazioni climatiche che la diuturna diffusione di metalli e polimeri in atmosfera ha determinato"

Gianni Lannes


L'immagine può contenere: nuvola, cielo, montagna, spazio all'aperto e natura










L'immagine può contenere: nuvola, cielo, montagna, spazio all'aperto e natura




Foto tratte dahttps://www.facebook.com/gianfranco.tomasello.71







venerdì 27 gennaio 2017

Nessun Giorno della Memoria per loro.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e spazio all'aperto







Nessun Giorno della Memoria per loro,

Nessun film strappalacrime dedicato alla loro storia,

Nessun capitolo sui libri di storia,

Nessun documentario che narri il loro sterminio,

Nessun processo di Norimberga per la loro causa,

Nessuna giustizia 500 anni dopo l'inizio del loro massacro.

Silenzio assoluto da parte dei mass media:

Indiani d'America, Indigeni, Aborigeni. 
Nativi africani, americani, australiani, asiatici...
TUTTI DIMENTICATI.

La loro storia non importa a nessuno.

E sapete cosa fa più male? Che ancora oggi si perseguita questa povera gente, si ruba loro la terra, si ammazza senza pietà chi di loro difende l'ambiente, si sbatte in prigione chi oppone resistenza alla civilizzazione coatta.

Io però non dimentico.




Fonte: Lo Sciamano della Luce (facebook)

giovedì 26 gennaio 2017

Trump dichiara guerra agli Indiani d'Americana (L'oleodotto si farà...)

Risultati immagini per trump oleodotto


Promette battaglia la tribù Sioux di Standing Rock dopo la decisione del neopresidente Usa Donald Trump di riprendere la costruzione dei contestati oleodotti Dakota Access e Keystone XL.


Jan Hasselman, avvocato dei Sioux, ha annunciato che la tribù farà causa per difendere la decisione del genio militare di intraprendere uno studio sull’impatto ambientale del Dakota Access che includa la ricerca di percorsi alternativi per l’oleodotto da 1.100 miglia che attraverserà quattro stati. 


La tribù dei Sioux si oppone da sempre al progetto, in particolare all’attraversamento del lago Oahe. Secondo gli attivisti, se si verificasse una perdita lì verrebbero inquinate le acque da cui dipendono i circa 8.000 membri della tribù e milioni di altri cittadini americani che abitano più a valle.

La tribù ha subito reagito all’ordine esecutivo firmato da Trump, definendolo una violazione della legge. “La decisione politicamente motivata dell’amministrazione Trump viola la legge e la tribù si muoverà per combatterla”, ha dichiarato il capo tribù Dave Archambault II.



Risultati immagini per trump dakota
I due decreti con cui Trump vuole rilanciare gli oleodotti Keystone XL e Dakota Access rappresentano una pessima notizia per i nativi americani e gli ambientalisti. "Vedremo se riusciremo a costruire questo oleodotto (Keystone, ndr)" che creerà "molti posti di lavoro, 28mila", ha detto Trump alla stampa dallo Studio ovale. Il presidente ha unito a queste misure un memorandum che richiede che l'acciaio necessario ai progetti venga prodotto negli Usa e un decreto per accelerare le valutazioni sull'impatto ambientale precedenti alla costruzione di infrastrutture prioritarie, come autostrade o ponti.

Il governo di Obama aveva sospeso a dicembre scorso anche la costruzione del Dakota Access, progetto da 3.800 milioni di dollari che avrebbe portato mezzo milione di barili di petrolio al giorno dai giacimenti del North Dakota a un'infrastruttura già esistente in Illinois.


Risultati immagini per trump oleodottoLa misura firmata da Trump "invita" l'impresa incaricata per il Keystone XL, la canadese Transcanada, a sollecitare un permesso per completare la costruzione dell'oleodotto e promette di prendere una decisione in merito entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta.

Nel caso del Dakota Access, chiede invece al segretario dell'Esercito di "rivedere e approvare" le petizioni dell'azienda Energy Transfer Partners, che ha già costruito il 90% del percorso di 1.770 chilometri della pipeline e vuole completare il tratto finale, che passa sotto al lago Oahe, nel North Dakota. 

La tribù Sioux di Standing Rock ha protestato per mesi contro il progetto, con l'appoggio di attivisti ambientali e politici progressisti, denunciando che il progetto contaminerà il fiume Missouri e avrà altre gravi ripercussioni.

"Faremo di tutto per fermare la costruzioni di questi oleodotti", ha promesso in una nota il Senatore Bernie Sanders, candidato alle primarie democratiche, il quale ha accusato Trump di "ignorare la voce di milioni di persone e mettere gli interessi dell'industria fossile davanti al futuro del pianeta". 

La decisione di Trump è stata condannata anche da gruppi come Greenpeace e Sierra Club, i quali hanno promesso di continuare la propria opposizione ai progetti.


Immagine correlata
Soddisfatti invece l'industria del petrolio e molti leader repubblicani al Congresso. I progetti, ha detto lo speaker della Camera Paul Ryan, "potenzieranno l'economia e creeranno migliaia di posti di lavoro ben pagati". "Questi oleodotti - ha aggiunto - rafforzeranno l'approvvigionamento energetico del nostro Paese e aiuteranno a mantenere bassi i costi energetici per le famiglie americane"

Insomma, la scusa è sempre la stessa: "Creare nuovi posti di lavoro" e con questa scusa i bianchi colonizzatori si arrogano da secoli il diritto di calpestare la vita dei Nativi, di sfruttare e distruggere le loro terre, di farli vivere in riserve, di ucciderli quando azzardano ribellarsi alla prepotenza bianca.



Fonte: http://www.huffingtonpost.it/2017/01/25/standing-rock-contro-donald-trump_n_14384332.html


Risultati immagini per trump oleodotto

Chi sono gli Sciamani? E perché vengono perseguitati in tutto il mondo?

Risultati immagini per dukun


Lo sciamano (se fa del bene), o stregone (se fa del male) è un mistico che sfida l'ignoto e il mistero dell'esistenza.


Un uomo straodinario che riesce a curarsi da dolorose malattie iniziatiche e laceranti crisi esistenziali che lo trascinano al limite della follia. Che inventa riti bioenergetici e danze estatiche per fare una concreta e dolorosa esperienza di morte e rinascita, di verità. 


Diventa un medico, un mago e un mistico. 

Un uomo "nuovo" sano e armonioso. Un visionario, un animale erotico e uno specialista dell'anima umana.

Col trance provocato da allucinogeni, dalla danza e dal suono del tamburo lo sciamano ristabilisce l'equilibrio tra il "dentro" e il "fuori", tra l'uomo e l'universo.


Risultati immagini per volo astrale
Col "volo magico" - il viaggio interiore - scopre il ritmo vibratorio e le forme dell'Universo. Quando entra in risonanza con gli spiriti trema, perde coscienza e sprofonda nel ventre della Madre Terra dove tutto è caos e dove l'energia si muove liberamente. Scende nel regno della Morte, un mondo al rovescio dove gli alberi crescono all'ingiù e il sole tramonta ad oriente. Viene torturato e fatto a pezzi: con una operazione di chirurgia rituale gli vengono trapiantati cristalli e altri oggetti sacri al posto del cuore e degli altri organi. La morte simbolica e il rito dello smembramento liberano l'energia interiore imprigionata dalla corazza del corpo e dell'Ego. 

Aprono alle visioni e alla sapienza sciamanica. 

Lo sciamano può allora lottare contro forze inquietanti, ombre e demoni che grondano sangue e che causano disgrazie e malattie. Attraversa foreste di fiamme e fiumi di pece: il corpo si disfa, diventa puro e leggero. Poi scala l'albero cosmico decorato con visi e mammelle per ritrovarsi in un paradiso solare dove è accolto come un santo e un perfetto, come uno sciamano.




Quando si incontra il vuoto, l'assoluto e il trascendentale si realizza che non c'é cammino, né conoscenza, né mete da conquistare. 


Risultati immagini per trascendenzaCon un senso di vertigine si galleggia nel mare del silenzio senza più confini corporei. Si diventa "signori del Sonno" e si sprofonda negli strati più fondi e segreti della psiche. 

E' un percorso di consapevolezza d'autoguarigione e di rinnovamento del sé: si vince la paura del morire, del disordine psichico e del caos. 



Si regredisce per ritornare bimbi, animali polimorfi - né maschi né femmine - e si conquista agilità e sensibilità corporea, poteri medianici e creatività.

Immagine correlata
Per vivere in compagnia degli animali selvaggi, per raccogliere le piante "maestre" e per meditare in silenzio lo sciamano si ritira nel ventre verde della foresta. 

Per curarsi vagabonda nei deserti d'alta montagna e si fortifica con docce ghiacciate, bagni di vento e diete vegetariane. Ridiventa selvaggio, istintivo e animale. 

Per proteggersi dai demoni indossa il costume sciamanico che è una corazza energetica, ma anche una mappa di simboli cosmici e di itinerari metapsichici.




Risultati immagini per dukunLo sciamano è un "etologo" che studia le abitudini degli animali e il mondo vegetale. Per gli sciamani siberiani l'aquila è l'animale guida per salire in cielo. L'apprendista sciamano dovrà imparare a ritornare uccello per volare verso il sole. Anche il condor è sacro perché divora le carni del sacrificio. 

Il "tusu Guru" - lo sciamano Ainu - impara dall'orso delle sconfinate foreste dell'Hokkaido una danza sacra e bioenergetica. Gli sciamani amazzonici imitano alla perfezione il canto dei pappagalli e si adornano con i loro piumaggi colorati e con le orchidee della foresta. Usano la magia verde delle piante maestre. 


Per risvegliarsi e per curarsi gli indios Yanomamo bevono il thé allucinogeno di Ayahuasca - Banisteriopsis Caapi - una liana cheè l'anima vegetale dell'Amazzonia e di Panche mama - la Madre Terra. Gli sciamani amerindi usano il peyote - Lophophora Williamsi - un piccolo cactus psichedelico. In Asia visionari e sciamani fumano invece il polline della Cannabis Sativa - l'Hashish - e il lattice del frutto del Papaver Sonniferum - l'oppio e gli sciamani siberiani mangiano l'Amanita Muscaria, un fungo allucinogeno.

Immagine correlata
Lo sciamano è anche un artista e un trasformista che conosce l'arte delle metamorfosi. Inventa psicodrammi e feste per scaricare le tensioni sociali, per rinsaldare il gruppo e tramandare i miti del clan. E' un mago che pretende di regolare la meterologia per assicurare la caccia e i raccolti e un medico "ferito" che cura le malattie dell'anima e del corpo. E' anche psicologo e veggente: i suoi occhi sfavillano nel buio per scrutare i segreti della vita. 


Libero e solo è un filosofo che ricerca senza inibizioni e falsi pudori la verità e un "politico" coraggioso in lotta contro le ipocrisie e le violenze del potere politico e religioso - e per ridurre l'uomo in schiavitù si sono sempre dovuti bruciare streghe e sciamani...


Risultati immagini per dukunLo sciamanesimo esprime la spiritualità e la cultura di classi sociali povere e emarginate e delle tribù indigene più deboli e lontane. Con la distruzione delle foreste tropicali, della "wilderness" e delle popolazioni aborigene anche lo sciamanesimo è in crisi in tutto il mondo. 


Senza bibbie e monasteri e senza "mass media" lo sciamano non riesce a raccontarsi e a difendersi. E i giovani del "terzo mondo" che inseguono i miti del consumismo e della vita facile non ne vogliono più sapere di ridiventare sciamani.

Tra i kafiri - gli "infedeli" dell' Hindu Kush afgano - sono spariti i Dehar. I giovani non salgono più in montagna per diventare "batcha" - re - e "dehar" - sciamani, sedotti dalle "suchi", le bellissime fate nude custodi dei monti sacri. 


Risultati immagini per persecuzione sciamani
Il kafiristan era un tempio dell'Asia dove si recavano in pellegrinaggio sufi e mistici famosi - tra questi il russo Gurdijeff. Nel mio ultimo viaggio in Kafiristan sono ritornato sui monti afgani per raggiungere i "nidi d'aquila" dove gli sciamani vivevano con i pastori. Ho incontrato un solo Dehar. Vent'anni prima ne avevo contati una dozzina.


In Nepal gli sciamani "Bon Po", accusati di stregoneria, sono stati decimati dai lama buddisti con una vera e propria caccia ai demoni, alle streghe e ai maghi neri che ricorda la nostra medioevale santa inquisizione. 

In Nepal ci sono ottocento mila "Jhakri" - sciamani - ma i giovani preferiscono vendere cianfrusaglie nei negozietti turistici di Katmandù. 

In Siberia gli sciamani sono finiti negli ospedali psichiatrici e nei gulag e nella Cina della così detta "rivoluzione culturale" sono stati rieducati e costretti a tagliare i boschi sacri dello Yunnan e del Tibet. 

In Africa sono perseguitati dai missionari e nelle foreste tropicali dell'Amazzonia sono il bersaglio preferito nei safari di "caccia grossa agli indios" sponsorizzati dai "garimperos" e dagli allevatori di bestiame.



"Noi ridiamo, danziamo e gioiamo della vita senza chiedere a nessuno il permesso di farlo. Non esistono peccati mortali, non esiste morale. L'unico atto immorale è danneggiarsi così profondamente da privarsi dell'autostima, dell'amore per se stessi e della coscienza della propria libertà e del proprio Sé".



mercoledì 25 gennaio 2017

STORIA PROIBITA: Chi ha distrutto l'Antica Europa felice? Perché a scuola non parlano di questo periodo?

Risultati immagini per europa matriarcale


Articolo di ariannaeditrice.it:

C'era una volta una civiltà basata su valori come il legame con la terra e la natura, l'equilibrio ecologico, la pace, l'amore, la non violenza, l'uguaglianza fra i sessi, la parità sociale e la spiritualità, una civiltà dove il profitto e il progresso tecnologico erano investiti nel benessere comune, nelle arti e nel godimento della vita. 


Le città, prive di fortificazioni, erano costruite in base alla bellezza dei luoghi e alla ricchezza delle risorse naturali locali. 


Il principio comune era l'amore per la vita in tutte le sue manifestazioni animate e inanimate. Immaginate una società che non conosceva la guerra, almeno non nel senso comune che oggi le viene dato. 


Risultati immagini per europa matriarcale
La profonda osservazione della natura nei suoi processi ciclici e legati alla fertilità delle donne, degli animali e delle piante, il porsi domande sull'origine della vita e il significato della morte, portò le genti di questa civiltà a immaginare l'universo come una madre onnidispensatrice nel cui grembo ha origine ogni forma di vita e nel cui grembo, come nei cicli della vegetazione, tutto ritorna dopo la morte per poi rinascere. 


La religione di questa civiltà, di tipo matrilineare, fu quindi quello della Dea Madre, del principio femminile, del rispetto e considerazione delle donne, sacerdotesse e capi dan, la Dea aveva il potere di donare e sostenere la vita, quanto di portare la morte ma anche la rinascita. 


Risultati immagini per europa matriarcale
Il principio maschile aveva anche la sua importanza ed era rappresentato dal figlio/amante della Dea; la loro unione era simboleggiata dal rito del "matrimonio sacro". 

Alla mascolinità era quindi associata, tra l'altro, l'energia della Terra e Io spirito selvatico della natura e gli sciamani erano coloro capaci di entrare in contatto con queste forze per operare riti e guarigioni... 


Non stiamo raccontando una bella favola ecologista ma approfonditi studi archeologici sulla civiltà agricola neolitica dell'Antica Europa pre-indoeuropea come è stata definita dall'archeologa Marjia Gimbutas (Europa centro meridionale, balcanica, bacino del Mediterraneo). 



Risultati immagini per dea madreUna civiltà non utopica ma reale, che con tutti i limiti e imperfezioni immaginabili per quel tempo così lontano dai nostri giorni, vide a suoi albori all'inizio del Paleolitico superiore, circa 40.000 anni fa, con la comparsa deIl'Homo sapiens sapiens e delle prime pitture rupestri, per poi fiorire verso il 7000 a.C. e perdurare ininterrotta per circa 3.500 anni. 



In seguito l'evoluzione sociale e spirituale di questa civiltà fu interrotta dalle invasioni di violente popolazioni guerriere nomadi dedite alla pastorizia, provenienti inizialmente dalle fredde steppe caucasiche dell'Est europeo e in seguito da tutta l'Europa orientale e dai deserti dell'Asia Minore, come per esempio le antiche tribù ebraiche guidate dai loro sacerdoti-guerrieri.



Risultati immagini per ebrei nomadi
Queste genti, con una struttura sociale patriarcale, adoratrici di bellicose divinità maschili e delle armi, lentamente ma inesorabilmente travolsero anche con massacri e distruzioni le pacifiche popolazioni locali. 

Nella protetta isola di Creta questa antica civiltà, chiamata localmente Minoica, iniziata più tardi rispetto al continente, circa verso il 3000 a.C., perdurò fino a circa il 1500 a.C




L'isola di Creta fu forse l'ultimo luogo sul pianeta dove si celebrò l'armonia tra gli uomini e le donne... 



In seguito varie popolazioni europee come i greci, gli etruschi e i celti presero molti spunti dalla civiltà neolitica dell'Antica Europa e l'antica religione della Dea madre non fu mai del tutto soffocata ma alla società di tipo ugualitario-mutuale che celebrava la vita e la natura, se ne sostituì un'altra di tipo gerarchico-dominatore basata sulla violenza e la sopraffazione che vide innanzi tutto la supremazia degli uomini sulle donne e sulla natura e che ancora caratterizza principalmente le grandi società organizzate moderne come quella occidentale.


La visione universale della cultura della Grande Dea:


Immagine correlataQueste nostre riflessioni derivano principalmente dagli studi di Marija Gimbutas autrice del libro: il linguaggio della Dea - Mito e culto della Dea Madre nell'Europa Neolitica, di cui riportiamo un passo essenziale: "La celebrazione della vita è il motivo dominante nella ideologia dell'arte dell'Antica Europa (...) la Dea era, in tutte le sue manifestazioni, il simbolo dell'unità di tutte le forme di vita esistenti nella natura. Il suo potere era nell'acqua e nella pietra, nella tomba e nella caverna, negli animali e negli uccelli, nei serpenti e nei pesci, nelle colline, negli alberi e nei fiori. 

Di qui la percezione mistica e mitopoietica della santità e del mistero di tutto quanto è sulla Terra. Quella cultura si deliziò dei prodigi naturali di questo mondo. 

Il suo popolo non produsse armi Ietali, nè costruì fortificazioni in luoghi inaccessibili, come avrebbero fatto i successori, anche quando conobbe la metallurgia. Invece costruì magnifiche tombe-santuari e templi, comode abitazioni in villaggi di modeste dimensioni e creò ceramiche e sculture superbe. 




Fu quello un lungo periodo di notevole creatività e stabilità, un'epoca priva di conflitti. 


La cultura di quel popolo fu una cultura dell'arte.


Immagine correlataLa fase seguente, quella degli dei guerrieri, pastorali e patriarcali, che o soppiantarono o assimilarono il pantheon delle dee e degli dei, rappresentò una fase intermedia prima dell'era cristiana e del diffondersi del rifiuto filosofico di questo mondo. Si sviluppò un pregiudizio contro questa mondanità e con questo la ripulsa della Dea e di tutto quello che aveva significato. 

La Dea gradualmente si ritirò nel profondo delle foreste o sulle vette delle montagne, e lì sopravvisse fino ai nostri giorni nelle credenze e nelle fiabe... 

Seguì l'alienazione dell'uomo dalle radici vitali della vita terrena, e i risultati sono ben evidenti nella società contemporanea
Ma i cicli storici non si fermano mai, ed ora vediamo riemergere la Dea dalle foreste e dalle montagne, recandoci speranza per il futuro, e riportandoci alle nostre più "antiche radici umane"




Che cosa ci insegnano a scuola? Menzogne!


Da Riane Eisler, autrice del libro: Il calice e la spada - La nascita del predominio maschile, ci arriva una importante riflessione sul fatto che dopo la caduta della civiltà dell'Antica Europa vennero alla luce le società, come quella greca, che vengono celebrate nei libri di testo delle scuole e delle università come capostipiti della società occidentale. 


Risultati immagini per guerre grecheMa queste società riflettevano ormai un modello sociale di tipo gerarchico-dominatore e patriarcale dove non solo la Dea ma la metà femminile dell'umanità, le donne, e i più deboli in genere dovevano essere sottomessi, al contrario del precedente modello sociale ugualitario-mutuale. In quest'ultimo il potere era visto come responsabilità - la responsabilità che ha la madre verso il proprio figlio - e non come dominio e la tecnologia veniva usata per aumentare il benessere comune e non per conquistare e dominare sia gli altri simili che la natura. 


Anche concetti come, per esempio, uguaglianza, saggezza, giustizia erano associate a quel tempo alla femminilità


Risultati immagini per democrazia greca
La stessa "democrazia" greca può essere considerata come un retaggio dello stile di vita della società neolitica dell'Antica Europa. Anche la scienza moderna ci fa ricordare la visione neolitica dell'unità di tutte le cose grazie alla Teoria di Gaia (la Terra, pianeta vivente) da uno dei nomi dati dai Greci alla Dea. La teoria, formulata dal biochimico inglese James Lovelock negli anni '70, afferma che tutte le forme di vita sulla terra assieme all'atmosfera, oceani e suolo formano un sistema vitale complesso e interdipendente


L'attuale modello sociale di tipo dominatore-patriarcale che ormai governa da migliaia di anni gran parte del pianeta ebbe in passato, oltre le armi, un altro mezzo altrettanto potente per affermarsi e ridurre sempre di più il potere della Dea e di conseguenza quello delle donne per arrivare alla loro sottomissione.


Risultati immagini per bibbia inferno
Questo avvenne tramite la creazione di nuove leggende, nuovi miti, nuove storie sacre che soprattutto con l'avvento della scrittura furono tramandate e imposte con tutti i mezzi, spirituali e materiali. Non è possibile in questa sede affrontare in modo esaustivo questo argomento, basti però ricordare che in diversi miti mediorientali la Dea fu uccisa, umiliata con uno stupro o divenne moglie di un dio maschile, in Grecia la dea uccello europea divenne una divinità guemera (Atena), fino ad arrivare alla Bibbia dove la Dea non è più neanche nominata e l'unica divinità è maschile.


Risultati immagini per guerraLa consapevolezza che il sistema attuale, il quale sembra ci stia portando inesorabilmente verso la catastrofe, non è stato dettato né da Dio né da qualche legge naturale inesorabile ma solo da un modello di società di tipo dominatore che sostituì circa 5000 anni fa l'altro di tipo mutuale, fa pensare che la storia potrebbe ancora invertirsi.


Dunque circa 5000 anni fa le invasioni dei pastori guerrieri indoeuropei misero in crisi la società agricola neolitica sedentaria, amante della pace e impreparata a questo evento che perdurò per circa 1500 anni e che incominciò in sordina con poche bande nomadi armate - gli attrattori - prima di travolgere completamente le popolazioni locali con un disastroso effetto replicativo.


Appare dunque chiaro che ritornare ad una società mutuale, gilanica, non significa il ritorno all'età della pietra, nessuno vuole negare e rinunciare, per esempio alle conquiste tecnologiche della civiltà moderna, sempre che queste siano usate per la pace e il benessere comune e non per guerre, distruzione e dominio.

Ma ora sappiamo che il sogno ecologista di una società alternativa a quella attuale che vede nel bioregionalismo -vivere in un luogo in armonia con la natura - una delle sue migliori espressioni, affonda una delle sue radici nel neolitico europeo ed è già stata una realtà.

Questa consapevolezza, una vera e propria impronta nella psiche umana lasciata dai nostri antenati "nativi" di quel lontano periodo, continua ancora ad affiorare nei nostri sogni, miti e archetipi e ci può dare la forza per cercare di riportare sul pianeta, quanto nel luogo in cui viviamo, spiritualità ecologica, amore, pace, giustizia sociale e equilibrio ambientale, in armonia con le energie creatrici della natura.


Fonte: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=29683