mercoledì 4 gennaio 2017

INDIA: popolo in rivolta contro il Nuovo Ordine Mondiale e denaro elettronico



Articolo di Sadefenza:



Attaccate le banche , bloccate da folle inferocite il governo indiano vacilla sull'orlo del collasso dopo la rivolta dei cittadini contro le draconiane leggi anti-contanti che hanno gettato il paese nel caos.



Milioni di manifestanti in India contro una classe dirigente determinati a portare avanti i loro diritti. C'è il caos nelle strade, il governo indiano continua ad appoggiarsi ai media mainstream per sopprimere la portata degli eventi e coprire il caos causato dal divieto draconiano sui contanti.


Risultati immagini per india rivolta denaro
Milioni di indiani - secondo paese più popoloso del mondo - sono in rivolta contro le nuove leggi anti-contanti che sono state progettate per proteggere e arricchire i ricchi dell'élite globale a spese della gente comune. Il paese è nel caos, con centinaia di milioni di persone comuni che non sono in grado di accedere ai propri risparmi

In un paese dove il 98% delle operazioni sono effettuate in contanti, il divieto improvviso sulle transazioni in contanti, e il ritiro di denaro dalla circolazione, ha creato indignazione.

I manifestanti in India rappresentano la classe operaia unita (al contrario dell'Italia...), mobilitata, e resistente contro l'avidità della élite globalista. Ci sono rapporti di banchieri " rinchiusi " dalla folla inferocita e istituzioni finanziarie in tutto il paese hanno lanciato un appello per farsi proteggere dalla polizia dai cittadini.

Le forze dell'ordine non sono in grado di contenere la portata e l'intensità delle proteste. La polizia coinvolta in scontri violenti contro la popolazione che vuole tutelarsi dagli interessi della classe dominante. Secondo un sondaggio pubblicato Lunedi, il 98% della popolazione è contraria alle nuove leggi.

La maggior parte degli sportelli automatici in India non hanno elargito più contanti dal 8 novembre con la situazione in continua escalation.

La mossa profondamente impopolare non è stata discussa pubblicamente prima di essere attuata dall'élite, e l'introduzione improvvisa ha causato il caos. Bloomberg riferisce che la situazione non dovrebbe migliorare  i " banchieri si stanno preparando a lunghe ore di fila con le folle inferocite e con il giorno di pagamento che si avvicina in India. "

"Temiamo il peggio."


Durante la notte, le banche hanno minimizzato le aspettative di qualsiasi miglioramento nella disponibilità di moneta, sollevando la prospettiva di lunghe code per il pagamento degli stipendi mentre la gente cerca di prelevare il denaro dai loro conti,   ha riferito il Economic Times .


Risultati immagini per india rivolta denaroLa banca centrale afferma che il sistema bancario ha ricevuto più di Rs 8 trilioni in depositi mediante scambio delle eliminati tagli di 500 e 1.000 rupie. Non ci sono dati sul valore della nuova moneta - da Rs 500 e Rs 2.000 note - stampate e distribuiti in tutta la nazione. Il Primo Ministro sostiene l'iniziativa aveva lo scopo della lotta al denaro in nero, banconote false, la corruzione e il terrore di finanziamenti, ma i detrattori sostengono che è una tattica del Nuovo Ordine Mondiale per ottenere il controllo sulla popolazione.




L'economia indiana è stata ingabbiata, rendendo la popolazione ancora più povera, 
dal momento che le leggi della società senza contanti sono state introdotte.



La lobby bancaria mondiale controllata dai Rothschild vuole un sistema di cassa digitale, perché questo darà ancora più controllo su di noi tutti. L'India viene utilizzata come un banco di prova. 

Dai banchieri globali che vogliono monitorare e controllare ogni singola transazione, mentre distruggono le valute del mondo reale in modo che possano emettere moneta che non esiste, creare oneri finanziari impossibili per le masse, per tutto il tempo accumulano straordinaria vera ricchezza e il potere per se stessi.

Le popolazioni basandosi su una griglia senza contanti completamente digitale sarà incredibilmente vulnerabile in tempi di crisi. Un terrorista o attacco militare, o anche un temporale o interruzione di corrente, significherebbe la fine di un'economia funzionale. I pagamenti si fermano, l'economia avrebbe una battuta d'arresto, e la vita come la conosciamo sarebbe finita. Un nuovo, clima disperato avrebbe preso possesso, con intere popolazioni lasciate vulnerabili e indifese, completamente sotto il controllo del loro governo e delle élites tenebrose che tirano le fila.




Perché i governi vietano i contanti quando ci sono queste conseguenze disastrose per l'umanità in attesa dietro l'angolo?



Fontehttp://sadefenza.blogspot.it/2016/12/india-milioni-di-manifestanti-contro-il.html

5 commenti:

  1. siamo noi che abbiamo creato il sistema,ora è giunto il momento di spezzarlo!

    RispondiElimina
  2. l umanità deve essere drasticamente diminuita con ogni mezzo legale ed illegale... schiavi gestiti dall intelligenza del pc.. ed una manciata di pazzi che vorranno convincerci che son stati mandati da un dio alieno ed invisibile x redimerci....

    RispondiElimina
  3. Basta che i popoli si accordino per valorizzare il Tempo e quantifichino il suo valore in un euro/dollaro/sterlina o altro al minuto per tutti e il nuovo ordine mondiale va gambe all'aria. Non ci saranno bisogno dei banchieri se si seguiranno le istruzioni del Terzo Testamento: www.GAAEL.com

    RispondiElimina
  4. Se e' vero quanto scritto, cio' che avviene e' un buon segno. L'unica soluzione possibile per far crollare il sistema che col denaro elettronico o no vuole schiavizzarci e' togliergli la linfa vitale cioe' il DIO DENARO. Solo con lo scambio reciproco dei propri valori, competenze, capacita' di Esseri Umani senza denaro potremo cteare un mondo UMANO

    RispondiElimina
  5. A dir la Verità io è un mese che sono in India e queste sommosse di popolo non le ho viste, malgrado sia stato diverse volte a dicembre in Trivandrum, capitale del Kerala. Ho sempre potuto cambiare, senza grossi problemi, anche se a un cambio più basso degli altri anni, 67 Rupie per un €.
    Ora da pochi giorni sono in Karnataka, ma non sembra ci siano grossi problemi.
    Sono però convinto che la grande maggioranza degli indiani, piccoli commercianti, contadini, persone che si arrangiano, abbiamo certamente sentito il peso di questa riforma decisamente fascista...come definire un governo che obbliga la gente nei cinema ad alzarsi, ad inizio spettacolo, in piedi per omaggiare l'inno nazionale...? Ho sentito di un mio amico che il mese scorso a Goa o forse a Poona, che ha rischiato di essere linciato per non averlo fatto :-(

    RispondiElimina