giovedì 27 agosto 2015

Sciamano Huna: L’ENERGIA VA DOVE SI DIRIGE L’ATTENZIONE


Ogni essere umano nasce in un mondo precostituito da cui riceve immediatamente le istruzioni per l’uso, ovvero insegnamenti su come è la realtà e come ci si deve muovere in essa.

Gli sciamani Huna delle Hawaii parlano di sette Principi Fondamentali capaci di risvegliare in ognuno la profonda conoscenza intorno ai misteri dell’esistere. Sette viene tradotto in hawaiano con la parola HIKU:

HI, che significa “scorrere”, rappresenta il principio femminile e KU, che significa “stare immobile”, rappresenta il principio maschile. 

Gli Sciamani Hawaiani si rivolgono alla malattia considerandola sotto il profilo puramente mentale. 

Ogni tipo di malattia, dall’influenza all’insufficienza cardiaca, deriva da un conflitto interiore e dal conseguente stress che si crea nel corpo per la resistenza a tale conflitto. 

Ecco i 7 principi.
PRIMO PRINCIPIO. IKE: 


IL MONDO E’ COME PENSI CHE SIA

L’idea fondamentale della filosofia Huna è che ciascuno di noi, ovvero i nostri 3 sé:

  il subconscio – KU,
  il sé cosciente – LONO
e il supercosciente o Sé superiore – AUMAKUA)…

crea la propria personale esperienza della realtà, attraverso le proprie convinzioni e interpretazioni, azioni abituali e reazioni, aspettative, paure, desideri, pensieri e sensazioni. Noi siamo creatori, o meglio CO-CREATORI, del mondo e Huna insegna a creare in modo consapevole.





Più in generale, questo principio dice che abbiamo una forte capacità di dare noi un senso alle cose. 
Se qui noi pensiamo di star perdendo tempo, questo è un sistema di credenza e magari stiamo realmente perdendo tempo, se pensiamo così. 

Se invece siamo convinti, che stiamo facendo qualcosa di buono a noi o agli altri, il sistema di credenze è diverso e allora noi stiamo facendo davvero qualcosa di buono ed è questo che porteremo a casa. 
La responsabilità è nostra. Siamo noi a decidere. Sono io che porto la mia visione del mondo nella situazione in cui mi trovo. Sono io che do il nome, il valore alle cose. 

SECONDO PRINCIPIO. 
KALA: TUTTO E’ POSSIBILE, 
NON ESISTONO LIMITI

Non ci sono veri confini tra noi e il nostro corpo, tra noi e le altre persone, noi e il mondo, noi e Dio.

Nell’Huna Dio e l’Universo (cioè tutto ciò che è, era o sarà) sono la stessa cosa. Le classificazioni, i sistemi, le etichette sono nostre invenzioni, possono cambiare, mentre in realtà dietro ad ogni sistema esiste un’unità essenziale, la fonte della vita, “il grande mistero”.

Huna significa segreto, ma noi conosciamo il segreto. Entrambe le sillabe di Huna trasmettono anche il significato di unione con tale mistero, che è quindi possibile oltre che desiderabile. 


Qualsiasi divisione, separazione è puramente funzionale, convenzionale, un’illusione di convenienza. 

Allo stesso modo non ci sono limiti, per esempio, per le connessioni che possiamo avere. Possiamo entrare in contatto con più cose, nel tempo, nello spazio. Basta essere aperti, accettarne l’esistenza, diventarne coscienti.

Un altro significato di questo principio è che esiste un potenziale illimitato alla nostra creatività. Possiamo creare qualsiasi cosa siamo in grado di concepire. Possiamo cambiare tutto e in qualsiasi momento lo vogliamo, perché il mondo è come noi lo vediamo. Huna è basato sull’uso molto creativo delle nostre facoltà, sulla manipolazione creativa dei nostri pensieri, comportamenti, credenze. I limiti sono quelli noi poniamo. Si tratta pian piano di allargare il cerchio della propria esistenza, di allontanare i limiti, i paletti di quello che accettiamo.


TERZO PRINCIPIO. 
MAKIA: L’ENERGIA VA DOVE 
SI DIRIGE L’ATTENZIONE

Cerchiamo di essere sempre consapevoli a cosa pensiamo, facciamo, in che stato d’animo siamo, come viviamo, perché quella è la direzione dell’Energia che noi diamo. Imparando ad accrescere e a direzionare il mana, il flusso dell’energia, (con parole, immagini, volontà, entusiasmo, eccitazione…) accresciamo anche il nostro potere, la nostra capacità di manifestare nella realtà quello che desideriamo e di cui abbiamo bisogno.

Creiamo un seme, focalizziamo l’energia su di esso finché non si manifesta nella realtà. Ottieni quello su cui ti concentri (nel bene e nel male). Il metodo più diretto per aumentare e migliorare il Mana è la trasformazione degli atteggiamenti negativi in positivi. Si è consapevoli e si accetta amorevolmente pensieri o sentimenti negativi quando si presentano, ma li si modifica consapevolmente nel loro opposto.

Volendo semplificare il processo di manifestazione: la mente cosciente concentra l’attemnzione su qualcosa, la mente subconscia tratta l’oggetto dell’attenzione come un fatto reale e ne registra la memoria/ lo sostiene come una credenza, la mente supercosciente usa poi questo come uno schema o modello in base a cui creare un’esperienza fisica equivalente e renderlo parte integrante della nostra vita. 

Se non ci sono conflitti tra convinzioni e dubbi, il semplice concentrare l’attenzione mette in atto il supercosciente (v. sincronicità). Più l’attenzione è pura, più i risultati saranno chiari. L’attenzione cosciente è questione di scelta, mentre l’attenzione subcosciente è questione di abitudini apprese. 

Colmando la mente di pensieri elevati/spirituali oltre che positivi, convoglia una visione diversa del mondo e della vita, un atteggiamento di fiducia amorevole nei confronti del subconscio, del Sé superiore, del corpo, dell’universo rendendo possibile trascendere più facilmente dubbi, paure senza doverli combattere, per raggiungere i propri scopi più facilmente.


QUARTO PRINCIPIO. 
MANAWA: ADESSO E’ IL MOMENTO 
DEL POTERE

Dal presente si può cambiare passato e futuro. Abbiamo nel qui e ora il potere di cambiare le convinzioni limitanti legate magari ad esperienze del passato e piantare coscientemente i semi di un futuro di nostra scelta.

L’unica cosa frenante è essere in dubbio, non agire, indugiare. L’importante è fare qualcosa, agire senza paure, stando attenti però a quello che facciamo, essendo consapevoli. Huna è efficace. Attenzione a quello che chiediamo, potremmo ottenerlo. È quando siamo concentrati nel momento presente che diventiamo più efficienti in quello che facciamo, perché il Mana esiste soltanto nel momento della consapevolezza.


QUINTO PRINCIPIO. 
ALOHA: AMARE E’ ESSERE 
FELICI INSIEME

Il più profondo significato di aloha è “la gioiosa (oha) condivisione (alo) dell’Energia Vitale (ha) nel momento presente (alo)”.
Si tratta di ascoltare il proprio sentire, andare nella direzione del cuore, fluire con le cose, lasciarsi andare, camminare in bellezza.
È importante valutare quello che stiamo facendo, se mi porta felicità o meno. Se mi dà benessere, libertà, amore, va bene, lo sviluppiamo, andiamo nella direzione del cuore… Se non me lo porta, è bene prendere un’altra direzione.

Bisogna essere fluidi, imparare a cavalcare l’onda, seguire i movimenti delle cose come l’acqua. Se mi sto muovendo con gioia, danzando, cantando, celebrando, allora la via è quella giusta, non sto sbagliando direzione. E l’Universo lo conferma manifestando eventi positivi. Come dentro così fuori…


SESTO PRINCIPIO. 
MANA: TUTTO IL POTERE 
VIENE DA DENTRO

Il nome dato in origine a Huna era ho-omana, che significa creare mana, energia, forza vitale. Quando sappiamo come creare Mana, sappiamo come accrescere i nostri potenziali nascosti.
Tutto il potere viene da dentro. Non esiste un vero potere al di fuori di noi, perché il potere dell’Universo agisce attraverso di noi nella nostra vita. Noi siamo il canale attivo di questo potere e le nostre scelte e decisioni lo dirigono.

Nessun’altra persona può avere potere su di noi o sul nostro destino, a meno che noi non glielo permettiamo. Spesso usciamo dal nostro potere, cercando appigli fuori. Crediamo al potere di un maestro per esempio. Speriamo che qualcuno versi dentro di noi quello che in realtà c’è già. In realtà dobbiamo solo renderci conto che c’è già.

SETTIMO PRINCIPIO. 
PONO: L’EFFICACIA 
E’ LA MISURA DELLA VERITA’

Non esiste una verità assoluta, ma c’è una verità effettiva a ciascun livello di coscienza individuale.

Huna è un sistema molto pratico. Qualsiasi sistema di conoscenza viene considerato conveniente piuttosto che reale. C’è sempre più di un modo di fare qualcosa. Una differente organizzazione della stessa conoscenza potrebbe risultare altrettanto valida per altri scopi. In altre parole, tutti i sistemi sono arbitrari.

Siamo liberi di usare quello che per noi funziona meglio, stando attenti ovviamente a non fare niente che sia in contraddizione con il rispetto degli altri.

“La definizione di crescita personale secondo l’Huna è ‘accrescere la consapevolezza, le capacità e la felicità’ e si applica a tutte le forme di consapevolezza, dagli atomi alle galassie, che si tratti di forme animali, vegetali o minerali. Negli esseri umani la spinta verso la crescita è localizzata nel Ku (Il subconscio).”

Serge Kahili King, Sciamano Huna

Fonte: dionidream.com

martedì 25 agosto 2015

Ecco cosa succede fissando per 10 minuti una persona negli occhi


Dimenticate LSD: gli occhi sono il nuovo massimo. 
Naturalmente, non stiamo parlando di consumarli, ma piuttosto di fissare intensamente  un paio di occhi per un periodo prolungato di tempo. A quanto pare, questo può far entrare in uno stato alterato di coscienza.

Questa scoperta è stata fatta da un intrigante visione del ricercatore Giovanni Caputo presso l’Università di Urbino in Italia, ma non è il suo primo studio sugli sguardi. Alcuni anni fa, lo scienziato ha reclutato 50 volontari per contemplare le loro riflessioni in uno specchio per 10 minuti in una stanza scarsamente illuminata. 
Per molti di loro, ci sono voluti meno di un minuto per iniziare a sperimentare qualcosa.




I loro volti cominciarono a deformarsi al cambiamento, assumendo l’aspetto di animali, mostri o anche i membri della famiglia deceduti; un fenomeno fantasiosamente denominato illusione “strana faccia.” Ma sembra che gli effetti bizzarri sono ancora più drammatici quando lo specchio viene scambiato per un’altra persona.

Come descritto nella ricerca psichiatrica, Caputo ha reclutato 40 giovani adulti  allineati in coppie. Ogni coppia poi si è seduta in sedie in una stanza scarsamente illuminata, posizionati un metro (3,3 piedi) a parte. 

L’illuminazione è stato fissato a un livello che ancora permesso ai partecipanti di raccogliere bene i tratti del viso , ma la percezione del colore è stata diminuita. La metà delle coppie sedute una di fronte all’altro, si guardavano a vicenda con espressioni neutre, mentre gli altri seduti back-to-back, fissavano  il muro. 

Per assicurarsi che gli effetti non sono stati il risultato di aspettative, i partecipanti non sono stati informati della natura dello studio, ma invece gli è stato detto che sarebbero stati  coinvolti  un esperienza meditativa.

Dopo 10 minuti, i partecipanti hanno risposto a dei questionari sulle loro esperienze in camera, che hanno rivelato alcuni effetti piuttosto intriganti. Secondo la British Psychological Society,quelli del gruppo seduti uno di fronte all’altro hanno descritto più elevati livelli di intensità del colore attenuato rispetto ai controlli, con i rumori che sembravano più forti . 

Il tempo sembrò rallentare e si sentivano distanziati. 
Inoltre, quasi il 90% di loro ha detto che il viso del loro partner sembrava deformato, il 75% ha visto esseri mostruosi e il 15%  ha anche visto i tratti del viso di un parente emergere dal loro partner.

Le sensazioni riferite, Caputo dice, indicano i sintomi di dissociazione, un termine usato per descrivere un distacco dal proprio rapporto con la realtà. È interessante notare che, ha trovato che questi sintomi correlati con deformità facciale, ma non l’aspetto di facce strane.

Egli ipotizza che queste allucinazioni, le cosiddette “apparizioni di strane face,” potrebbe essere una conseguenza di ritornare di nuovo alla “realtà” dopo aver inserito uno stato dissociativo causata dalla mancanza di stimolazione sensoriale. Ma al momento, è tutto da verificare e sembra contrastare un’altra possibile spiegazione avanzata da Caputo.

Quando fissiamo un punto centrale per un periodo prolungato, le caratteristiche della periferia iniziano a scomparire gradualmente, qualcosa conosciuto come Troxler dissolvenza. Ma se questo dovesse spiegare che cosa sembra accadere, allora ci aspetteremmo tratti del viso che svaniscono a poco a poco, piuttosto di vedere cose strane. E come sottolinea Scientific American, se alcune informazioni visive non sono presenti, il cervello si occupa di queste lacune riempendoli in base alle aspettative o esperienze.

Abbiamo chiaramente ancora molto da imparare su questi strani fenomeni, e Caputo è il primo ad ammettere che il suo lavoro è ancora nella sua infanzia. Sarebbe interessante scoprire che cosa provoca queste strane allucinazioni, dal momento che anche se di scarsa illuminazione sembra essere necessaria, non può essere l’unico fattore, come lo stesso non è stato osservato nel gruppo di controllo.

Fonte: http://www.iflscience.com/brain/you-can-alter-your-mind-staring-someones-eyes-10-minutes

GENESI PROIBITA

LA VERA GENESI OCCULTATA (NASCOSTA)

Tratto dal terzo capitolo di: ANIMA (Accorgersi della verità nell’illusione) di Michele Perrotta


L’Adam, rappresenta l’umanità, e fu creata dagli ‘ELOHIYM (tutta la Divinità) come corpo sottile, successivamente il Dio dell’essere, delle limitazioni (Dio del limite) e delle proibizioni, YAHWE’, plasmò questa creatura, incatenando l’umanità nell’EDEN, che non rappresenta affatto un giardino; in ebraico la parola “EDEN” significa “SFERA TEMPORALE”, l’umanità fu quindi incatenata in una prigione temporale.



L’Adam (umanità) prigioniero dello spazio-tempo assistette alla trasformazione di se stesso, il Dio Yahwè plasmò l’Adam nuovamente, e raccolse l’AISHAH/ EVA/ ‘ISHAH (l’anima), aprendo l’involucro, così facendo, il corpo stesso dell’Adam si potè rispecchiare.

Una volta aperto l’involucro, fuoriuscì la luce creata dagli ‘Elohym, la parola ebraica TZEL, infatti, non significa COSTOLA, (come ci hanno insegnato, che da questa costola Dio formò Eva), ma INVOLUCRO.

Non l’Eva ma Aishah, rappresenta il nome femminile dell’IO, lo specchio di noi stessi, che ci permette di essere un tutt’uno tra il mascolino e il femminino che risiedono interiormente in noi, la completezza dell’essere stesso, l’armonia degli opposti.



L’ANIMA è quindi il ponte tra l’umanità e le dimensioni superiori.

Yahwè, il Dio dell’essere, si pentirà poi di aver dato questa facoltà all’umanità poiché oltre ad essere il Dio che proibisce, il Dio geloso, è anche il Dio del limite, è lui stesso limitato in questa dimensione; infatti, l’umanità, proprio per via di questo ponte (l’Anima/AISHAH) può trascendere ed arrivare alle verità più elevate e raggiungere la dimensione degli ‘ELOHIYM, e del vero Dio/ TUTTA LA DIVINITA’.



Studiando attentamente i testi sacri mi sono ACCORTO che il SERPENTE della Genesi non rappresenta affatto SATANA ma l’energia KUNDALINI (la Coscienza Cosmica/Forza Generativa) che dona il frutto della conoscenza all’Anima e all’umanità aiutandola a sfuggire dal limite imposto dal Dio Yahwè.



“ GESU’ GRIDO CON VOCE FORTE: “ ELOI’ ELOI’ LEMA’ SABACTA’NI?, CHE SIGNIFICA: DIO MIO, DIO MIO, PERCHE’ MI HAI ABBANDONATO? ”.
(MARCO 15:34)

Il Dio Yahwè/Ihoah cercherà di impedire questa trascendenza e questo legame tra l’umanità (Adam) e le dimensioni celesti, cercando di dividerli (DIABOLOI – DIAVOLO); la parola diavolo significa, infatti, colui che divide, ecco perché ritengo che la massima depravazione del DEMIURGO, Yahwè, sia SATANA (l’avversario del vero Dio), l’altra faccia della stessa medaglia (vedere la scommessa che i due fanno a discapito del povero Giobbe).

“ Il Signore (Yahwè) disse a satana: 
Hai posto attenzione al mio servo Giobbe? 
Nessuno è come lui sulla terra:

uomo integro e retto, teme Dio ed è alieno dal male”. 

Satana rispose al Signore e disse: “Forse che Giobbe teme Dio per nulla? Non hai forse messo una siepe intorno a lui e alla sua casa e a tutto quanto è suo? Tu hai benedetto il lavoro delle sue mani e il suo bestiame abbonda di terra.
Ma stendi un poco la mano e tocca quanto ha e vedrai come ti benedirà in faccia!”.

Il Signore disse a satana: “Ecco, quanto possiede è in tuo potere, ma non stender la mano su di lui”. Satana si allontanò dal Signore ”.

(Giobbe 1:8-12)
Giobbe rappresenta la fede impersonificata nell’uomo che viene messa alla prova. Egli perderà infatti tutti i beni materiali, la casa, il bestiame e gran parte della famiglia per una scommessa fatta da Yahwè e Satana per testare la sua fedeltà.

Il Dio del limite (Yahwè) continuerà a plasmare altre creature imitando il vero Dio creatore (non riuscendosi perfettamente) e nutrendo la vendetta verso l’umanità, forgiando dagli animali, alieni di ogni specie, come: dagli insetti alcune tipologie di razze aliene tipo i GRIGI, dai rettili e/o dinosauri i RETTILOIDI (alieni di tipo RETTILIANO).



(APOCALISSE 7:9)
“ IL GRANDE DRAGO, IL SERPENTE ANTICO, COLUI CHE CHIAMIAMO IL DIAVOLO E SATANA E CHE   SEDUCE TUTTA LA TERRA, FU PRECIPITATO SULLA TERRA E CON LUI FURONO PRECIPITATI ANCHE I SUOI ANGELI ”,


“ IL SERPENTE ERA LA PIU’ ASTUTA DI TUTTE LE BESTIE SELVATICHE FATTE DAL SIGNORE DIO (Yahwè)”.

(GENESI 3:1)
Il famoso Zulù Credo Mutwa ci narra nell’intervista fatta dallo scrittore inglese David Icke di una Razza di uomini rettile chiamata CHITAURI, i quali non sarebbero soltanto alieni, ma originari di questo pianeta, anche se evoluti da milioni di anni, questi esseri, agiscono tutt’oggi sulla razza umana facendo esperimenti di natura biologica e sessuale perché compatibili ad essi.

Nelle tradizioni africane come i Dogon (e non solo) si dice che gli antichi re e regine avessero il diritto di sovranità grazie alla discendenza stellare, il sangue divino legato alla genetica aliena e che venivano venerati come antichi DEI.


Tutt’oggi sembra che questo diritto 
di sovranità su molti popoli e nazioni 
non sia cambiato perché i governanti, 
ancora oggi sarebbero loro discendenti 
e legati geneticamente a queste creature.


Oggi giorno sono migliaia le testimonianze di chi dice di aver visto questi esseri, ma come sempre alcune verità vengono celate o preservate per pochi “ELETTI”.

LA DINASTIA CELESTE DI SETH

ADAM = (UMANITA’) – AISHAH 
HEWAH/EVA = (L’ANIMA/L’ESISTENZA)
CAINO = (IL POSSESSORE)
ABELE = (IL LIEVE)
HANOCK = (IL BALUARDO INTORNO)
IRAD = (L’IMPULSO CONTINUO)
MEHUIA’ EL = (LA FORZA CHE FA MOSTRA DI SE)
METHUSHA’ EL = (LO SPALANCARSI DELLA MORTE)

Più che a nomi di persona identificabili nell’individuo dobbiamo pensare ai figli dell’Adam/umanità come a delle POTENZIALITA’ CELESTI che l’umanità stessa possiede; sono modi di agire e di pensare, sia nella vita sia nella profonda riflessione verso le realtà superiori e verso Dio.

E’ forse spiegata in questa chiave di lettura la longevità dei “primi uomini” che non sono affatto tali, ma rappresentano invece correnti di pensiero e di stile di vita?

La seconda umanità “nata” da ADAM e AISHAH prese il nome di SETH e sembrerebbe un’umanità più evoluta, connessa e quindi più vicina agli ‘ELOHYM.

Questa NUOVA UMANITA’ viene anche chiamata più volte nella bibbia con l’appellativo“I FIGLI DI DIO”.

SETH = (IL SECONDO FONDAMENTO)
ENOSH = (L’UOMO DEL SENTIMENTO)
QAINAN = (IL POSSESSO CHE SI E’ ESTESO)
MAHOLLAEL = (LA FORZA CHE PRODUCE LA GLORIA)
IERED = (LA PERSEVERANZA)

Fino ad arrivare (se pur in un’altra corrente genealogica) a:

HANOKH/ENOCH = (IL BALURDO INTORNO)
METHUSHALAH/MATUSALEMME = (IL TRATTO CHE CONDUCE ALLA MORTE)
LAMEKH = (CIO’ CHE IMPEDISCE LA DISGREGAZIONE)
NOAH/NOE’ = (IL RIPOSO)
Noè, il quale generò:
SHEM = (IL NOME)
HAM = (IL SOLE TORRIDO)
IAPHETH = (L’ESTENDERSI)

Tutto questo fu ed è tuttora: l’umanità, colma di queste grandiose opere interiori che sono occultate ma vive dentro di noi, le nostre capacità “divine”.

MOSE’ L’EGIZIO
L’autore dei primi libri dell’Antico Testamento fu Mosè, questo è almeno il pensiero della tradizione ebraica, ma se analizziamo con cura tutta la storia del popolo israelita ci ACCORGIAMO che la verità su questo popolo è un’altra.

Sembrerebbe infatti, che gran parte degli esponenti che hanno costruito il popolo ebraico altro non fossero che una minoranza di persone appartenenti ad una determinata casta sacerdotale egizia in cerca di una propria identità autonoma.

Lo stesso nome MOSE’ in egizio significava “FIGLIO” o “GENERATO DA”, e questo appellativo ci induce a sostenere la tesi che in realtà questo personaggio aveva archetipicamente uno straordinario desiderio di essere “adottato” da un “popolo nuovo”; nonostante tutti sapessero che Mosè fosse figlio di una principessa Egizia, la gente del “popolo Israelita” accettò la “favola” che Mosè fosse anch’egli un figlio d’Israele.

Ci sono moltissime informazioni riguardanti Mosè e di come non riuscisse a parlare perfettamente la lingua del vero popolo Israelita (schiavi nomadi deportati in Egitto), e di come era difficile per lui farsi capire nei suoi linguaggi SIMBOLICI, derivanti dalle scuole misteriche egizie.

Tutto sommato se facciamo un’accurata analisi delle scritture bibliche, possiamo trovare grandissime similitudini sia tra l’alfabeto ebraico e i geroglifici egizi, sia tra la Genesi e la cosmologia egiziana.

Molti studiosi sono concordi nel dire che il popolo ebraico guidato da Mosè durante l’Esodo altri non fossero che membri di una casta sacerdotale costituitasi con il faraone monoteista AKHENATON, i quali furono costretti ad abbandonare la terra d’Egitto, facendo così nascere il mito dell’ESODO biblico.

Tutto questo ci porta a comprendere che in realtà non esiste un “POPOLO ELETTO”, (gli ebrei), né tanto meno una razza o religione preferita dal VERO DIO; agli occhi di Dio siamo tutti uguali, l’anima non ha né etnia, né religione, non è schierata, né tanto meno politicizzata.

Siamo tutti figlio di Dio in qualche modo.

“ IN QUELLA NOTTE IO PASSERO’ PER IL PAESE D’EGITTO E COLPIRO’ OGNI PRIMOGENITO NEL
PAESE D’EGITTO, UN UOMO O BESTIA; COSI’ FARO’ GIUSTIZIA DI TUTTI GLI DEI DELL’EGITTO. IO SONO IL SIGNORE ! (YAHWE’) ”.
(ESODO 12:12)

LA PIETRA
Le pietre simboleggiano la stabilità interiore contro tutte le avversità.

La venerazione delle pietre sacre come nell’Islam per la CABA dove all’interno è situato un meteorite risalente ad un periodo preislamico, o nell’ebraismo nella venerazione delle due pietre custodite dentro l’Arca dell’alleanza, rappresentano un qualcosa di tangibile per rendere visibile la Divinità nella quotidianità.
“ Gesù disse: “Indicami la pietra respinta dagli edificatori! Essa è la pietra d’angolo/la Chiave di volta”.

(Vangelo di Tommaso – verso 67- “L’Individuo è Tempio e Chiesa di se stesso”)

Successivamente la venerazione di pietre o immagini venne proibita e condannata come idolatria, addirittura la venerazione della Dea madre Ashtar, considerata la moglie di Yahwè (quando era presente una ideologa politeista), venne proibita e per qualche ragione gli Israeliti misero un punto fermo sull’ideologia monoteista e sulle proibizioni, forse dovuto al codice dei Talmudisti, i quali credono fermamente che sia un bene:

“Alzare sempre una siepe attorno la Torah”, rendendo inaccessibile alcune verità all’interno delle sacre scritture.

Segreti che solo pochi “ELETTI” possono osservare al di là del velo.

Forse derivano da qui i segreti di una Genesi o di un Esodo alternativo?

“ Un Ebreo crea un Ebreo, e questo è chiamato così: “proselito”; ma un proselito non crea un proselito. Coloro che sono nella Verità sono come quelli e ne creano altri; ai secondi invece è sufficiente entrare nell’esistenza.

Lo schiavo aspira soltanto ad essere libero, ma non aspira alle ricchezze del padrone. Il figlio invece non è soltanto figlio, ma si attribuisce l’eredità del padre.

Coloro che ereditano da chi è morto sono essi stessi morti ed ereditano cose morte. Coloro che ereditano da chi è vivo sono essi stessi vivi ed ereditano le cose vive e le cose morte.

Coloro che sono morti non ereditano nulla. 
Come potrebbe, infatti, ereditare un morto?

Ma se colui che è morto eredita da chi è vivo. egli non morirà; anzi, il morto vivrà di nuovo. Un pagano non muore, perché egli non è mai vissuto, per dover morire. 


Colui che ha creduto nella Verità 
ha trovato la vita, e quest’uomo può correre 
il pericolo di morire, poiché è vivo.

Dal giorno che il Cristo è venuto, il mondo è creato, le città adornate, e ciò che è morto è gettato via. Quando noi eravamo Ebrei eravamo orfani e avevamo soltanto nostra madre. Ma da quando siamo divenuti Cristiani abbiamo acquistato un padre e una madre ”.

(Vangelo di Filippo 1:1-6)
“ Il Cristo è venuto a riscattare alcuni, a liberare altri, a salvare altri. Quelli che erano stranieri egli li ha riscattati e li ha fatti suoi. Ed ha separato i suoi, quelli che ha costituito come pegno, secondo la sua volontà. Non solo quando si è manifestato egli ha deposto la sua anima quando ha voluto, ma da che esiste il mondo, egli ha deposto la sua anima.  E quando ha voluto, allora è venuto a riprenderla, poiché essa era stata lasciata come pegno.  

Era in mezzo a ladroni ed era stata tenuta prigioniera: egli l’ha riscattata e ha salvato i buoni nel mondo, e anche i cattivi. La luce e le tenebre, la vita e la morte, ciò che è a destra e ciò che è a sinistra, sono fratelli fra di loro: non è possibile separarli.  

Per questo motivo né i buoni sono buoni, né i cattivi sono cattivi, né la vita è vita, né la morte è morte. Perciò ciascuna cosa sarà distinta secondo l’origine del suo essere. Ma quelli che sono innalzati sopra il mondo sono indissolubili ed eterni ”.
(Vangelo di Filippo 1:9-10)

MICHELE P.

Fonte: https://sabrinabirindelli.wordpress.com/2011/01/16/la-vera-genesi-occultata-nascosta/

lunedì 24 agosto 2015

L'Amore al tempo degli Indiani d'America


Ebbene, voi conoscete i nostri flauti; avete udito il loro suono e visto in quale mirabile modo sono fatti. 

Questo nostro flauto, il siyotanka, serve per un solo genere di musica: la musica dell’amore. 

Nei vecchi tempi gli uomini si sedevano appartati, non di rado nascosti, non visti, appoggiati ad un albero nell’oscurita’ della notte, per creare i loro motivi personali, i loro canti di corteggiamento.

Noi indiani siamo timidi. Anche se fosse stato un guerriero che avesse gia’ contato un colpo su un nemico , un giovane avrebbe difficilmente potuto farsi sufficiente coraggio da parlare ad una “winchinchala” di bell’aspetto: una ragazza di cui era innamorato.

Inotre, non c’era posto nel villaggio dove un giovanotto ed una ragazza potessero stare soli. La tenda di famiglia era sempre affollata da gente. E naturalmente, non potevi andare a passeggio fuori dal villaggio tenendoti per mano con la tua a ragazza, anche se tenersi per mano fosse stata una delle nostre abitudini, il che non era.

La fuori tra l’erba alta, ed i cespugli di salvia potevi essere incornato da un buffalo, dilaniato da un grizzly, o colpito con l’ascia da un Pawnee, o potevi imbatterti nella Mila Hanska, i Lunghi Coltelli, cioe’ la Cavalleria degli Stati Uniti.

La sola occasione che avevi d’incontrare 
la tua winchinchala era di attenderla 
al calar del giorno, 

quando le donne andavano al fiume od a un ruscello con le loro sacche di pelle a prendere acqua.


Quando quella ragazza sulla quale avevi posato gli occhi finalmente veniva gi’ per il sentiero che porta all’acqua, tu ti alzavi all’improvviso da dietro qualche cespuglio e restavi in piedi in mdo che lei ti potesse vedere. 

E questo era piu’ o meno tutto quello che potevi fare per mostrarle il tuo interessamento: probabilmente restando la’ dritto a ridacchiare scioccamente, guardandoti i mocassini o grattandoti l’orecchio.

Neppure la winchinchala faceva molto di piu’, eccetto che diventar rossa in volto, fare una risatina soffocata o tirarti probabilmente una rapa selvatica. Se tu le piacevi, il solo modo di fartelo sapere era di prendersela con calma nel riempire la sacca dell’acqua e darti qualche sbirciata furtiva disopra le spalle.

Cosi’ i flauti sostituivano il parlare. 
Di notte, sdraiata sulla coperta di buffalo nella tenda dei genitori, la ragazza avrebbe ascoltato il lamentevole e piangente suono del siyotanka. A mano a mano che era suonato lei avrebbe riconosciuto che c’era il suo amato la’ fuori in qualche posto.

Storia narrata da Cane Corvo.

L'Unione Europea? In realtà è l'Impero Romano sotto mentite spoglie !

( il PARLAMENTO EUROPEO è praticamente identico alla vecchia BABILONIA...)


ll Programma del Superstato 
 La Cospirazione dell'Impero Europeo



La centralizzazione del processo decisionale globale vuole imporre alla popolazione umana una sorta di "Oceania" di stampo orwelliano. 

Tale progetto implica la creazione di una struttura politica, con un governo mondiale che impone la sua volontà alle organizzazioni sovrastatali dell'Unione Europea, Americana, Africana e Asiatico-Pacifica. Quelle che oggi definiamo "nazioni" saranno ridotte al ruolo di semplici "regioni", prive di reale potere e sottoposte al rigido controllo dei superstati e, in definitiva a quello del governo mondiale.





Per poter imporre la propria volontà, 
il governo mondiale si doterà di un esercito, 
una banca mondiale centrale 
e una moneta in forma elettronica 
senza più contanti (microchip)...




Inoltre tale struttura controllerà una popolazione a cui saranno stati impiantati microchip. Tutto ciò sta già accadendo, sotto i nostri occhi, sulla base di un programma che ha cominciato a svilupparsi molto tempo fa...

Il progetto non implica soltanto il controllo diretto, ma anche l'imposizione di una forma di controllo tramite dipendenza. 


Quando si aboliscono le cosiddette "barriere commerciali" (l'ultimo atto sarà il TTIP), ciò significa che nessun paese è più in grado di difendere la propria economia e comincia a dipendere dall'economia globale.


Se la creazione di un superstato europeo ha avuto inizio con qualcosa chiamato "Trattato di Roma" non è certo un caso!





 L'Unione Europea 
è semplicemente la versione riveduta 
e aggiornata dell'Impero Romano! 





e la bandiera dell'UE porta simboli della dea madre di Babilonia in una delle sue tante forme e denominazioni. 

Le dodici stelle dello Zodiaco Babilonese rappresentano la dea, e la Chiesa di Roma sostiene parimenti che la Madre Maria, in quanto "Regina dei Cieli", possieda una "corona di dodici stelle".




Così recita l'Apocalisse: 

"Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna che sembrava vestita di sole, con una corona di dodici stelle in capo, e la luna sotto i suoi piedi". [12:1]

Nella scuola misterica babilonese il cerchio è anche un simbolo di Tammuz (Nimrod o Gesù), figlio di una vergine. 

Il simbolo del vessillo dell'Unione Europea viene attribuito ad un ebreo belga di nome Paul Levi, convertitosi alla tradizione cattolica romana e direttore della "sezione cultuale" del Consiglio d'Europa, costituitasi a Londra nel 1949. 

Si racconta che nel corso del dibattito per l'adozione di un emblema ufficiale, Levi abbia indicato una statua della Madre Maria che portava un diadema di stelle che brillavano sullo sfondo blu del cielo, dicendo al Segretario Generale del Consiglio d'Europa Earl Benvenuti (un nobile veneziano), che la bandiera europea doveva essere proprio quella: una corona di dodici stelle su sfondo blu. 





In altri termini, il simbolo rappresenta 
la regina Semiramide e in sostanza 
l'Unione Europea è l'Unione di Europa, 
ovvero l'unione della dea babilonese





La bandiera dell'UE sarebbe poi stata adottata ufficialmente l'8 dicembre del 1955, giorno in cui si celebra l'Immacolata Concezione di Maria! E il 2 settembre 1958 l'arcivescovo di Milano (che sarebbe salito al soglio pontificio con il nome di Pio XII) scoprì una statua di Maria alta 23 metri che chiamò: "La nostra Madre Celeste, che governa l'Europa".


Risultati immagini per europa dea babilonese
Ulteriori conferme del legame con la Chiesa di Roma le troviamo storicamente in Otto von Hasburg, leader della dinastia del Movimento Pan Europeo (gli Hasburg insieme ad altre famiglie hanno dominato l'Europa per secoli). 

Sono detentori della corona del Sacro Romano Impero e hanno dato i natali agli imperatori e ai duchi d'Austria, ai re di Germania, di Ungheria, di Spagna, del Portogallo, della Boemia, ai granduchi di Toscana e persino ad un imperatore del Messico! 

Il vessillo del Movimento Pan Europeo, con le stelle babilonesi, il dio Sole e la croce rossa dei Cavalieri Templari

Otto von Hasburg nacque nel 1912 con il titolo di arciduca d'Austria ed era il maggiore dei figli di Carlo d'Austria, ultimo imperatore d'Austria, nonchè ultimo re di Ungheria. Visse oltre i 90 anni e le sue ultime parole furono di volere un'Europa Cattolica Romana e l'elezione di un capo di stato europeo, che resterà in carica a vita, proprio come il leader dei Gesuiti! A proposito del logo europeo con il cerchio e le stelle, Hasburg ha dichiarato nel suo libro "The Social Order of Tomorrow"  (L'Ordine Sociale di Domani ...sono fissati con l'ordine!):

"Ora disponiamo di un simbolo europeo che appartiene in misura eguale a tutte le nazioni. E' la Corona del Sacro Romano Impero, che incarna la tradizione di Carlo Magno, che regnò sull'occidente unito (i paesi dell'Europa e dell'emisfero occidentale)".

Tra l'altro è stato creato un "premio Carlo Magno", da assegnare a chi avrebbe lavorato duramente per l'Unità Europea, e uno dei suoi vincitori è stato Bill Clinton, il presidente formato dai Gesuiti che aveva incoraggiato l'Unione Europea ad includere la Russia.



Immagine correlataIl progetto degli "Stati Uniti d'Europa", sottomessi ad un potere centrale, risale a molti secoli fa e tra gli altri era uno degli obiettivi dei Templari. Tre dei principali protagonisti della CEE (Comunità Economica Europea) o "Mercato Comune", oggi UE, furono: 

Jean Monnet, universalmente riconosciuto come il "Padre dell'Europa", il conte austriaco Richard Kalergi che già nel 1923 scrisse un libro in cui auspicava la creazione degli Stati Uniti d'Europa, e il socialista polacco Joseph Retinger che aveva costituito una organizzazione definitasi "Movimento Europeo", il quale proponeva appunto la formazione di un governo centrale europeo. Retinger ebbe anche un ruolo fondamentale nella creazione del Gruppo Bilderberg.

Furono proprio Retinger e il principe Bernard d'Olanda (per lungo tempo presidente del Bilderberg) a proporre ai ministri degli esteri dei vari paesi europei di tenere incontri a cadenza regolare. Da questi incontri scaturì l'accordo commerciale chiamato Benelux (che riguardava appunto Belgio, Olanda e Lussemburgo), uno dei precursori dell'Unione Europea. Jean Monnet lavorò in strettissima collaborazione con Retinger fino a diventare consulente di Lord Milner e del colonnello House della Tavola Rotonda, nonchè vice-presidente della Transamerica, una società detenuta dalla Banca d'America. A quel punto Monnet si ritrovava nella posizione ideale per coordinare la cospirazione, su ambo i versanti dell'Atlantico, con il proposito di giungere alla creazione della Comunità Europea. 

L'altro influente protagonista fu come già accennato Richard Kalergi, uno degli intimi amici di Theodore Herzl (noto come uno dei fondatori del Sionismo e maggiordomo di una famiglia a caso: i Rothschild!) 

Il libro del conte Kalergi  s'intitolava "Pan Europa" e la sua attività sfociò nella creazione di una Unione Pan Europea (il termine Pan può significare "che include ogni cosa", ma il dio Pan è anche un ennesimo sinonimo di Nimrod, mentre Europa è Semiramide), con diramazioni in tutto il continente, sostenuta da eminenti politici europei, dalla cricca anglo-americana e senza far altri nomi, dalla solita combriccola che compariva un po' dappertutto...

Ecco cosa scrisse il conte nella sua autobiografia:

"All'inizio del 1924 ricevemmo una comunicazione dal barone Louis de Rothschild: uno dei suoi amici, Max Warburg di Amburgo, aveva letto il mio libro e voleva incontrarci. Con mia grande sorpresa (come no!) Warburg ci offrì spontaneamente 60.000 marchi d'oro, così da dare un impulso al movimento nei suoi primi tre anni... Max Warburg continuò a manifestare il suo più sincero interesse per il movimento Pan Europeo per il resto della sua vita e nel 1925 organizzò un viaggio negli Stati Uniti per farmi incontrare Paul Warburg e Bernard Baruch".

Tutti questi personaggi insieme ad altri cospirarono negli anni a seguire, compresa l'ascesa di Hitler, la Rivoluzione Bolscevica e la creazione della Federal Reserve, il tutto per manipolare un'Europa centralizzata e favorirne il suo avvento. 


Risultati immagini per nwoI Rothschild, i Rockefeller, i Warburg, Baruch, House e Milner vi erano tutti implicati fin dall'inizio e tra loro molti altri nomi come Winston Churchill, che nel 1930 scrisse un articolo per il Saturday Evening Post dal significativo titolo: "Gli Stati Uniti d'Europa"!

Dopo la Seconda Guerra Mondiale e la fine del nazifascimo passarono alcuni anni prima che le pressioni e la propaganda a favore di una unione delle nazioni europee tornassero in vigore, quando nel maggio del 1948, lo United European Movement tenne il suo Congresso Europeo. Tra i principali fautori del movimento c'erano Winston Churchill e il suo genero Duncan Sandys (politico britannico), mentre dietro le quinte Jean Monnet e Joseph Retinger che continuavano a tessere la tela con grandi risultati. A proposito dell'unione politica dell'Europa, il Congresso statunitense adottò ben sette risoluzioni, in una di queste si diceva:

"La creazione di una Europa Unita deve essere considerata come un passo fondamentale verso la creazione di una Unione Mondiale" (ovvero di un governo mondiale!)

Monnet fu inoltre posto alla guida di un Comitato per gli Stati Uniti d'Europa, dalle finalità analoghe. I prestiti concessi nel dopoguerra dagli Stati Uniti all'Europa, secondo il cosiddetto "Piano Marshall", furono impiegati sia per finanziare il movimento europeista, sia per minare l'indipendenza degli stati sovrani e aumentare le pressioni volte all'instaurazione di un organismo di controllo centrale. Si è sempre attribuito tale programma di aiuti al generale George Marshall, segretario di stato del presidente Truman, ma i suoi ideatori furono Jean Monnet e il CFR (Consiglio per gli Affari Esteri).


Immagine correlataNel 1946-47 si formò una commissione di studio del CFR al fine di produrre un rapporto sulla ricostruzione in Europa. Quella commissione era guidata dall'avvocato Charles Spofford, mentre il segretario era David Rockefeller, presidente del CFR stesso, una delle personalità più influenti nell'ambito del Gruppo Bilderberg nonchè fondatore della Commissione Trilaterale. Nel giro di poco meno di un anno la relazione stesa da quella commissione del CFR avrebbe cambiato denominazione, diventando il "Piano Marshall", spacciato per un'iniziativa di governo! 

Una volta garantitasi l'approvazione, la dirigenza del Piano Marshall si componeva di: Allen Dulles (responsabile della CIA), Philp Reed (presidente della General Electric), Henry Stimson e Robert Patterson (ex ministri della guerra) e Dean Acheson (ex sottosegretario di stato e membro del CFR). Il primo passo nella creazione della Comunità Europea fu l'introduzione della Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio (CECA), che prese il via nel luglio del 1952 riunendo sotto un sistema di controllo centralizzato le attività industriali nel settore del carbone e dell'acciaio di Germania Ovest, Francia, Italia, Belgio, Olanda e Lussemburgo. Tale organismo aveva facoltà di decidere i prezzi e investimenti, di trovare finanziamenti e prendere decisioni a maggioranza dei votanti. Sebbene fosse stato presentato come "Piano Shuman" (dal nome del ministro degli esteri francese Robert Schuman, che in seguito divenne primo ministro), il vero artefice fu ancora una volta Jean Monnet, nella sua funzione di responsabile della French General Planning Commission!

A Monnet fu attribuito il premio Wateler per la Pace (consistente in due milioni di franchi) quale riconoscimento dello "spirito internazionale che aveva manifestato nel concepire la Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio". Quel riconoscimento gli giungeva dalla Carnegie Foundation! 

Merry e Serge Bromberger, due ammiratori di Monnet, definirono il piano nel loro libro "Jean Monnet e gli Stati Uniti d'Europa":

"Si era ipotizzato che, gradualmente, le autorità sovranazionali, sotto la supervisione del Consiglio dei Ministri d'Europa a Bruxelles e l'Assemblea di Strasburgo, avrebbe gestito tutte le attività del continente. Un bel giorno i governi sarebbero stati costretti ad ammettere che l'Europa integrata era un fatto compiuto, senza che si fosse reso necessario il determinarne dei principi fondamentali... Tutto ciò che gli sarebbe rimasto da fare era fondere tutte le istituzioni autonome in una singola amministrazione federale, quindi proclamare la nascita degli Stati Uniti d'Europa".



E di recente come tutti sanno
 hanno imposto Fiscal Compact e MES
Il 25 marzo 1957 i sei membri della Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio firmarono i due "Trattati di Roma" con cui si creava la CEE (Comunità Economica Europea) o Mercato Comune, nonchè la Comunità Europea per l'Energia Atomica (Euratom)!
Fu fatta passare per l'istituzione di una "zona di libero scambio", il che avrebbe giovato all'occupazione, e non fu fatto alcun cenno alla creazione di un superstato centralizzato e alla perdita della sovranità nazionale, che invece era il fine che ci si proponeva fin dall'inizio! Ciò fu confermato da Ernst van der Beugel, docente a Harvard, segretario generale onorario del Gruppo Bilderberg e membro della Commissione Trilaterale, attraverso il suo libro "From Marshall Aid to Atlantic Partnership" (Dal Piano Marshall al paternariato Atlantico):

"Monnet e il suo comitato di azione si occuparono della supervisione dei negoziati, anche se in via non ufficiale, cosicchè non appena si manifestava un qualche ostacolo, la macchina diplomatica statunitense (il mostro...) veniva allertata, nella maggior parte dei casi attraverso l'ambasciatore Bruce... che aveva accesso diretto ai più alti gradi del Dipartimento di Stato... In quella fase la prassi era che se Monnet riteneva che un certo paese stesse ostacolando il negoziato, il rappresentante diplomatico americano in quel paese contattava il relativo ministro degli esteri al fine di fargli presente la posizione del governo americano, che nella stragrande maggioranza dei casi coincideva con il punto di vista di Monnet"! 

L'Atto Unico Europeo che avrebbe portato all'abolizione delle barriere commerciali in tutta Europa a partire dal 1992 e il Trattato di Maastricht per l'UE, hanno rappresentato ulteriori passi verso l'instaurazione di una dittatura europea, un regime totalitario insediatosi in punta di piedi.

Dopo aver spaventato per bene i popoli d'Europa, preannunciando che se non avessero partecipato alla nuova entità avrebbero rischiato la catastrofe, il termine "Economica" è stato messo da parte e la nuova denominazione è diventata "Comunità Europea". Successivamente con un altro piccolo passo in punta di piedi e si è passati a "Unione Europea"! Abbiamo poi assistito a un incessante progresso verso la centralizzazione dei poteri politici, attribuiti all'Unione e all'erosione del potere deliberatamente nazionale (altro piccolo passo). A ciò ha fatto seguito la creazione di una Banca Centrale europea e di una sola valuta (l'Euro, ancora un passo avanti verso la dittatura).

Il concetto di una Europa sottoposta a un solo potere, amministrato tramite una banca centrale europea, con una sola valuta, amministrazioni regionali e una manodopera comunitaria, corrisponde perfettamente a quanto Hitler e i Nazisti avevano auspicato! Il loro progetto aveva un nome familiare: "Comunità Economica Europea" (Europäische Wirtschaft gemeinschaft)................

Nel volume del 1966 "Tragedy and Hope" (Tragedia e Speranza), Caroll Quigley, aveva già spiegato in che modo il processo di integrazione europea, su ogni possibile livello, si sarebbe concretizzato nel corso di varie fasi (o piccoli passi); dal canto suo, Richard Gardner del CFR avrebbe successivamente commentato che il piano consisteva proprio nell'"eroderla (la sovranità nazionale) pezzo per pezzo". 

Il 9 novembre 1988 i leader europei si sono riuniti al Pantheon di Parigi per celebrare il centenario della nascita di Jean Monnet, quello che è stato unanimemente definito il "padre dell'Europa". Ma alla fine c'era davvero qualcosa, nella creazione di Monnet, che meritava di essere celebrato?!?

Era riuscito a garantire la pace all'Europa Occidentale dal 1945? Ma no, quale pace! Hanno semplicemente fatto in modo che l'integrazione europea potesse avere tranquillamente corso. Non ci sarebbero più state guerre pan-europee neppure se i manipolatori non fossero intervenuti. Monnet ha soltanto creato un mostro che sta tutt'ora divorando la nostra libertà, pezzo dopo pezzo. E ne era perfettamente cosciente!

Non volevano altro che una dittatura che assumesse il controllo dell'Europa, e il loro obiettivo è pressochè raggiunto, visto che in quel di Bruxelles abbiamo già burocrati non eletti capaci di dettare la loro volontà ai governi nazionali. I regolamenti imposti dall'UE sono già in grado di risultare prioritari rispetto a qualsiasi cosa decisa dai parlamentari nazionali e dai referendum popolari che non contano più un cazzo e nella Costituzione Europea è già compresa la designazione del presidente dell'Europa e di un ministro degli esteri! 

I manipolatori non hanno nessuna intenzione di piegarsi alla volontà dell'opinione pubblica (l'esempio del referendum greco è perfetto nel confermarlo). Il "motto" del nascente superstato è di stampo tipicamente orwelliano: "Uniti nella diversità", vale a dire (volendo tradurre nella neolingua): Uniti nella Schiavitù.

L'UE ha già intrappolato la maggioranza degli stati europei, ma ne aderiranno altri ancora, e ci proveranno con ogni mezzo, un passo dopo l'altro. Il piano consisteva anche nel mettere al tappeto l'Unione Sovietica, dopo averne prosciugato le risorse trascinandola nella Guerra Fredda, per poi assorbire quei paesi nella NATO e nell'Unione Europea.




L'Unione Sovietica d'Europa

Nel 1984 Anatoliy Golitsyn, disertore del KGB sovietico, avvertì che ci sarebbe stata una "falsa liberazione" dell'Unione Europea e dell'Europa dell'Est. Ciò sarebbe stato accolto con grande entusiasmo dall'Occidente e avrebbe portato alla fusione della Comunità Europea e degli altri paesi dell'ex Unione Sovietica. Alla fine, le cose sono andate esattamente come previsto. Un altro dissidente, Vladimir Bukovsky, ha fatto riferimento a documenti segreti del Politburo e del Comitato Centrale che aveva potuto leggere nel 1992 e che riguardavano proprio l'UE, confermando l'esistenza di una "cospirazione" volta a trasformare l'Europa in uno stato totalitario. Bukovsky ha definito l'UE un mostro e ha ribadito quanto già detto da Golitsyn. 

In quei documenti veniva spiegato come nel gennaio del 1989 una Commissione si fosse recata in visita del presidente sovietico Michail Gorbaciov. Essa era guidata da David Rockefeller, Henry Kissinger e l'ex presidente francese Valery Giscard d'Estaing, tutti facenti parte del Gruppo Bilderberg!

Mentre si discuteva di come Gorbaciov dovesse necessariamente integrare l'Unione Sovietica nell'accordo di libero mercato del GATT, nel FMI e nella Banca Mondiale, Giscard d'Estaing intervenne con queste parole:

"Signor presidente, non posso dirle con esattezza quando accadrà, forse nel giro dei prossimi 15 anni, l'Europa si trasformerà infine in uno stato federale ed è necessario che vi prepariate a tale evenienza. Lei deve collaborare con noi e con gli altri leader europei, il modo migliore per accogliere tale situazione, le modalità con cui verrà concesso agli altri paesi dell'Europa dell'Est di interagire con il nuovo stato o entrare a farne parte. Occorre prepararsi" (E' un offerta che non può rifiutare...!) 

Giscard d'Estaing pronunciava quelle parole tre anni prima del Trattato di Maastricht, che avrebbe trasformato la Comunità Europea in Unione Europea e indovinate un po' chi avrebbe poi preparato la bozza della costituzione europea? Giscard d'Estaing! Se non fosse stato per il rifiuto della Francia e dell'Olanda, quella costituzione avrebbe trasformato l'Europa in uno stato federale all'incirca 17 anni dopo che lo stesso Giscard aveva preannunciato a Gorbaciov un termine di circa 15 anni! E questa non è cospirazione?!?

"Quando si analizza il genere di corruzione che caratterizza l'UE, si comprende che si tratta dello stesso genere di corruzione che regnava in Unione Sovietica: una corruzione che procede dall'alto verso il basso e non dal basso verso l'alto" ha commentato Golitsyn. 

E ancora: "Se si esaminano tutte le strutture e le caratteristiche di questo emergente mostro europeo, ci si rende conto di quanto si avvicini sempre più all'Unione Sovietica... Non c'è un KGB, o perlomeno, non c'è ancora, ma guarderei con attenzione a strutture come per esempio l'Europol. Ciò che mi preoccupa è che quest'organismo finirà con ogni probabilità per godere di un potere ancora più grande di quello del KGB (Bingo!). Potrà giovarsi dell'immunità parlamentare. Riuscite a immaginare un funzionario del KGB supportato da immunità parlamentare?

La sorveglianza riguarderà trentadue diverse specie di crimini, due delle quali dovrebbero destare particolare preoccupazione: uno è chiamato "razzismo", l'altro "xenofobia". Un rappresentante del governo britannico ci ha detto che chi farà obiezione all'immigrazione incontrollata dal Terzo Mondo verrà considerato razzista, mentre chi opporrò resistenza al progredire dell'integrazione europea sarà accusato di xenofobia". 

L'UE vuole controllare tutti i tribunali di qualsiasi paese faccia parte del suo impero in continua espansione, e si serve della legge per attuare scandalosi attacchi alle libertà fondamentali, come quella di espressione e di pensiero. In una bozza di direttiva comunitaria proposta dalla Germania era incluso il progetto di dichiarare fuorilegge qualsiasi negazione dell'Olocausto, creando così un nuovo crimine che non esiste nelle leggi dei paesi aderenti all'UE! Questa nuova forma di crimine (potremmo definirlo "crimine ideologico") e di obiezione alla storia ufficiale dovrebbe comportare una condanna al carcere fino a un massimo di tre anni per il reato di "negazione al genocidio". 

I funzionari della Commissione Europea che, è il caso di ribadirlo, sono in carica senza che nessuno li abbia eletti, hanno insistito sul fatto che quella legge era necessaria, giacchè "razzismo e xenofobia possono manifestarsi sotto forma della negazione di genocidio, cosicchè è di assoluta importanza intervenire con la massima durezza". "Negazione di genocidio"! Perfettamente orwelliano non vi sembra? Ed ora che la diga sta per cedere e l'opinione pubblica è prossima alla consapevolezza della gravità della situazione, questi signori premono sull'acceleratore, cercando di introdurre tale legislazione il più presto possibile!


Concludendo

Lo scopo comune della guerriglia intrapresa da questa oligarchia di psicopatici è condizionare la mente umana facendo piazza pulita di qualsiasi senso di individualità e unicità. Soltanto in quel modo potranno imporre una dittatura globale e riuscire a farla accettare alle masse. 

Brock Chisholm, ex direttore dell'OMS, aveva ben ragione quando ha affermato: "Per arrivare a un solo ed unico governo mondiale è necessario liberare la mente umana dal pensiero individualista". 

Stanno imparando ad esercitare il potere senza alcun rispetto per l'oramai defunta democrazia e la conseguenza sarà l'imposizione di uno stato di polizia europeo a ognuno dei suoi cittadini. 

Il senso d'identità nazionale è un ostacolo potenzialmente fatale sul cammino della tirannia mondiale. Per questo motivo negli ultimi anni assistiamo a una campagna per screditare e distruggere l'idea di nazioni sovrane. Non sono un nazionalista e non mi identifico in un paese o una razza, ma non è questo il punto. Molti lo fanno e si opporranno a qualsiasi tentativo di sciogliere le loro adorate patrie in un cocktail culturale progettato ad arte per consumare la diversità. 

Il problema immigrazione è oramai un tema familiare in tutto il mondo, qual è la verità dietro questa crisi migratoria? 

Uno dei modi migliori per distruggere il senso di nazionalità delle generazioni future, e quindi favorire l'instaurazione di un governo mondiale, è favorire l'afflusso di persone provenienti da culture diverse. Una percezione così indefinita di "nazionalità" favorisce il trasferimento del potere ad una struttura di governo sovranazionale. 

Il guaio è che, appena si comincia a smascherare il piano nascosto dietro al "multiculturalismo", si viene immediatamente tacciati di razzismo. E' questo che il livello al quale i potentati vogliono che si dibatta la questione. Da un lato vi sono i sostenitori della supremazia dei bianchi, i quali vogliono che la loro razza domini sulle altre, e dall'altro vi sono i "militonti" antifascisti radicalizzati, pronti a bollare come razzista chiunque non la pensi come loro. Questa polarizzazione e queste facili etichette nascondono apposta il significato profondo delle politiche migratorie. 

La questione non è la superiorità di questa o quella razza, di una cultura o dell'altra. Ma la creazione di un'unica cultura globale, che disconnetterà le persone dalla loro identità nazionale e dalla loro unicità, favorendo la rinuncia alla sovranità in favore di una tirannia globale.    

Anche l'attuale assalto contro l'Islam fa parte di questa strategia. Non sono un musulmano e non sono d'accordo con molti precetti di quella religione, ma questo è irrilevante, proprio come lo è il "razzismo" se visto nell'ottica del programma segreto che si cela dietro le attuali politiche migratorie. 

Dobbiamo elevarci al di sopra di questi livelli infantili di dibattito e prendere in considerazione il quadro generale. Vogliono minare l'Islam perchè rappresenta un enorme blocco di persone unite dallo stesso credo che si opporrebbero all'assorbimento di una cultura globale ed a una dittatura centralizzata, ovvero un Nuovo Ordine Mondiale. Ecco perchè si fomentano le lotte fratricide nell'Islam. 

Tutte le razze, tutte le culture e tutte le religioni devono capire che questo programma globale riguarda tutti. Qui è in ballo la libertà di tutti.

Lor signori banchieri e compagnia maggiordomi e camerieri non vogliono una popolazione indipendente e libera di scegliere. Vogliono un popolo dipendente dalla carità dei padroni e daranno un lavoro (inutile e deleterio per il benessere globale) al salario che vorranno loro! Questo è quanto succede in Africa e in altre parti del mondo fin dai tempi del colonialismo europeo. Le società private, in combutta con i governi dell'epoca, distrussero l'autosufficienza degli indigeni, e poi, una volta assicurata la loro dipendenza, li trasformarono in lavoratori con salari da fame. La stessa cosa accadde ai Nativi Americani. La loro indipendenza fu distrutta, fra l'altro con operazioni orrende quali lo sterminio dei bisonti, dopodichè furono alla mercè del governo degli Stati Uniti.

Ora le medesime tecniche colonialiste vengono adoperate per colpire la classe operaia e la classe media (di qualsiasi razza) dei paesi occidentali. Fra le strategie impiegate a tal fine vi sono le immigrazioni massicce e il trasferimento degli stabilimenti all'estero. Sia che le aziende trasferiscano la produzione nelle nazioni più povere, dove possono pagare salari inferiori, sia che trasferiscano i lavoratori poveri nei paesi più ricchi, il risultato è il medesimo: perdita di posti di lavoro e abbassamento dei salari per la popolazione residente delle nazioni più ricche. Ti rifiuti di lavorare per poco? Bene, avanti il prossimo! Dietro di te c'è la coda.

Non sto dando la colpa agli immigrati e nemmeno ai residenti del terzo mondo che lavorano per aziende trasferitesi dall'Occidente. Anche loro sono solo vittime del gioco, come i lavoratori che perdono la loro fonte di sostentamento come conseguenza dei flussi migratori. Vengono tutti sfruttati, e fa parte della strategia politica divide et impera, fomentando così i conflitti tra i lavoratori. Lor signori incravattati sono abilissimi nel creare guerre fra poveri, nel far sì che due gruppi di sfruttati si incolpino reciprocamente per le loro misere condizioni di vita, senza comprendere di essere in realtà manipolati dalla stessa forza con uno scopo unico. 

L'immigrazione e il trasferimento delle aziende occidentali nei paesi poveri sono fenomeni che hanno anche un altro effetto fondamentale. Trasferendo quantità enormi di persone da un paese all'altro si diluisce la cultura dominante in Occidente e portando le industrie occidentali all'estero si diluisce la cultura dominante di quei luoghi. A tutto ciò si aggiunga l'influenza massiccia di Hollywood e della tv americana che rifilano la cultura degli Illuminati al resto del mondo e non c'è da meravigliarsi se i vari paesi cominciano ad assomigliarsi sempre più.

Nella nostra storia c'è già stato un episodio che ha rappresentato uno sguardo sul prossimo futuro: la Grande Depressione, fabbricata ad arte, che negli anni '30 ha creato enormi povertà e disagi. Ora il piano prevede di provocarne un'altra a livello globale e questa volta mantenendola indefinitamente. 

Le persone affamate con famiglie da mantenere faranno qualunque cosa verrà loro ordinato e saranno pronte a sostenere le aggressioni contro chiunque riterranno responsabile per la loro miseria. O ci uniamo nella comprensione di quel che sta davvero accadendo, o precipiteremo in una prigione globale lottando tra di noi. 


Tratto dal libro "Cospirazione Globale e Come Fermarla" di David Icke 

Vedi anche: 
La Storia Segreta dell’Unione Europea: il Piano Kalergi
L'Unione Europea è Stata Voluta dalla CIA
krommino75 

fonte http://freeondarevolution.blogspot.it/2015/07/il-programma-del-superstato-la.html?m=1

giovedì 13 agosto 2015

Siccità indotta in California! I cittadini accusano il governatore Jerry Brown

Cittadini Californiani accusano 
il governatore Brown di negligenza volontaria, e gli chiedono perché 
permetta questo programma, 
che porta la siccità in tutto lo stato 
della California, con Massicce Irrorazioni  “Chemtrail Spraying”.


State of the Nation 

via theeventchronicle Concerned Residents of California

edited: Sa Defenza


Lo stato della California 
sta vivendo una  siccità implacabile e storica che non si vedeva da 1200 anni. 

Questo disastro senza precedenti ha dimostrato di essere il più paralizzante e distruttivo come nessun altro nella storia americana. Qualora questo disastro non  rallenta e continua a svolgersi, nel corso degli ultimi quattro o cinque anni, e non diminuisce la siccità, risulta essere il più grave della storia americana.



Jerry Brown è  governatore della California 
dal gennaio del 2011, 
proprio da quando è iniziata la siccità


Abbastanza curiosamente, ha preso a cuore molte altre questioni politiche, mentre, molti pensano avrebbe dovuto usarla per affrontare la siccità. Al contrario invece, anno dopo anno è passato da Sacramento senza neppure dare una sbirciata … fino al 2015.

Brown ha recentemente imposto una serie crescente 
di restrizioni draconiane d’uso dell’acqua, 
i controlli più severi mai emanati 
da quando lo Stato fu costituito nel 1850.


Ora nel 2015 si prendono le prime  iniziative di controllo sull’acqua e costituiscono effettive restrizione  da che la siccità è iniziata. Il punto è che nessun altra misura importante costruttiva, proattiva previdente o lungimirante è stata adottata dal governo dello stato. Più precisamente, le varie risposte date a questa siccità sono state addirittura reazionarie. Ogni editto emesso dal governo sullo state house ha funzionato come reazione al comportamento dei consumatori di acqua della California.
Mentre alle  maggiori aziende utilizzatrici (e dissipatori) di acqua, cosa curiosa, è stato concesso loro un trattamento preferenziale.


Ad esempio, al settore del fracking è stata data l’autorizzazione di utilizzare grandi quantità di acqua, mentre all’abitante medio gli è stata fortemente ridotta l’uso dell’acqua.

Allo stesso modo, agli imbottigliatori di acqua, transnazionali, come Nestlé si offre un trattamento molto speciale rispetto a quello dato ai residenti dello stato e alle piccole imprese locali che non possono vivere senza acqua. 


Ci si chiede perché il governatore Brown conceda tali agevolazioni a un grande venditore d’acqua come la multinazionale suddetta,  
che commercia l’acqua in bottiglia 
sia  nei mercati interni, che esteri?


Sapendo che viviamo in California nel bel mezzo della emergenza siccità , si concede all’enorme multinazionale Nestlé, di imbottigliare vendere e trasferire nel resto del mondo acqua  locale, prima che, questo nostro disastro sia fermato.

Il Governatore Jerry Brown, mentre ordina il taglio nell’uso di acqua pubblica per il 25% a Sacramento, come nel resto dello stato, ma non pone nessun limite di approvvigionamento di acqua dolce da sorgenti acquifere alla Nestlè.

La Nestlé (alias da noi: il Water Company Arrowhead Mountain) continua ad attingere acqua ad una velocità / annua 80 milioni di litri, pagandola 2 o 3 centesimi a gallone; mentre le stesse bottiglie d’acqua a Sacramento, sono vendute a  $ 16 per gallone, al resto della popolazione di città, ha tra l’altro un uso limitato, di acqua al rubinetto . (Fonte: Is California’s Water Supply Being ‘Enronned’ )



Problema – Reazione – Soluzione


Il ruolo chiave che il governatore Brown ha giocato in tutto questo dramma di geoingegnerizzazione  è l’implementazione di una reazione del governo appositamente progettata. 


La parola chiave qui è: REAZIONE !

” Reazione ” in questo particolare contesto si riferisce alla famigerata Dialettica hegeliana in cui la formula Problema ~ Reazione ~ Soluzione è utilizzata come un mezzo per produrre un risultato specifico

Ci sono una varietà di esiti statali ricercati sul caso di questa catastrofica siccità in California. Ogni “Reazione” della popolazione al “problema” della siccità  è dapprima prodotto con il coinvolgimento quotidiano dei media mainstream (MSM).

Quindi, il governo statale prende  ha una “reazione” predeterminata contro di loro. In definitiva, la “Soluzione” verrà presentata quando la necessaria maggioranza dei cittadini sarà sufficientemente addolcita fino ad accettarla senza proteste. 

Che una siccità in piena regola e inesorabilmente artificiale e fabbricata in questo maniera è una impresa piuttosto straordinaria assolvere il “problema“. 

Ci sono buoni motivi per dire che un tale sforzo straordinario, della leadership del governatore Brown, sembra essere un pezzo integrante di tale ordine del giorno in rapido svolgimento. Soprattutto in vista della entusiasta firma, del Governatore Brown, del disegno di legge recentemente approvato sul vaccino obbligatorio, sono molti i californiani che sospettano la sua gestione. 

Chiaramente, quel singolo atto di tradimento ha gettato il dubbio su molte altre sue iniziative ha messo sotto una luce decisamente negativa il suo mandato .

In poche parole, ora ci sono molti residenti che ritengono che il governatore Brown è un partecipante attivo di un sistema per utilizzare lo stato della California come un mezzo per introdurre un nuovo regime aperto alla geoingegneria.



Il seguente saggio approfondito rivela molti dei dettagli di questo schema, così come quelli delle relative trame cospirative. 

È stata la siccità  geoingegnerizata in California  a far passare la futura normativa 
sul ‘cambiamento climatico’?

Dato che la California serve come il principale produttore agricolo per la nazione, non vi è niente di più serio che una siccità di questa gravità , e in particolare modo così incessante. 
In poche parole, questo disastro artificiale si preannuncia essere la catastrofe del Millennio . Può sembrare un’iperbole finché non  si considera che è veramente in gioco.

Perché la California è stata stabilita come lo stato agricolo premier della nazione, la sua importanza per la sicurezza alimentare degli Stati Uniti non può essere sottovalutata. Essa rappresenta anche l’8° più grande economia del mondo, rendendo in tal modo il suo enorme contributo al PIL determinante e significativo per la salute economica di questo paese e, di conseguenza, in grado di non essere ignorati. 

Solo che, è stato ignorato … incoerentemente e abbastanza incredibilmente, sia dal governo federale degli Stati Uniti che dal governo dello Stato della California. È un dato di fatto che sia il presidente Obama che il governatore Brown sono stati notevolmente assenti ingiustificati in tutta questa intera saga, con l’eccezione del passaggio di nuove leggi draconiane che sono state ritenute necessarie al fine di provocare una reazione da parte dei cittadini. La completa mancanza di risposta federale alla siccità in California è chiaramente intenzionale e premeditata in quanto è una parte fondamentale della lo strategia  generale e ordine del giorno clandestina.

Lo scopo principale della strategia della California è quello di utilizzare la siccità progettata come un mezzo per imporre un programma illegale di geoingegneria … come un ‘rimedio‘ per questa  e  siccità e tutti i diluvi futuri. 

Ormai non c’è dubbio che la siccità è stata volutamente geoingegnerizzata nel corso del recente mandato del governatore Jerry Brown. Non ha mai affrontato pubblicamente il problema delle persistenti scie chimiche  irrorate incessantemente nel corso degli ultimi cinque anni.

ll Governatore Brown ha ripetutamente ricevuto prove scientifiche sulla siccità che è stata appositamente e meticolosamente Geoingegnerizzata.
 Eppure nonostante questa evidenza indiscutibile, non ha mai risposto a quei partiti che hanno fornito i volumi di ricerca scientifica, che mostrano come è stata geoingegnerizzata. 


I campioni di terreno da soli hanno rivelato livelli scioccanti di alluminio, bario e stronzio. 

Ognuno di questi elementi chimici sembrano essere la norma  dei componenti principali del mix delle scie chimiche che sono irrorate quotidianamente  sui cieli d’America. 

Naturalmente, dalle  chemclouds consegue poi la pioggia con questi agenti chimici tossici sulla terra e nell’acqua sottoterra, inoltre  questi e altri composti chimici tossici, delle  scie chimiche, iniziano un bioaccumulo nella vegetazione e negli animali in terra, così come negli animali marini, nelle piante e fauna acquatica. Intere foreste nel nord della California stanno rapidamente scomparendo sia come effetto dello stress da calore che dalla mancanza di acqua oltre la cospirazione che queste contaminazioni chimiche hanno nell’indebolire sistematicamente ogni specie di piante. 


Poi le varie pestilenze e altre infestazioni 
alla fine distruggono migliaia di ettari 
di foreste, una volta in buona salute. 

Il Governatore Brown è pienamente consapevole che questa situazione è involutiva e non ha fatto nulla per affrontarla. 
Le  scie chimiche continuano il loro lavoro distruttivo come prima, nonostante in molti lo hanno portato alla sua attenzione. In molti luoghi le operazioni di scie chimiche sembrano essere  dilagate a un livello di intensità allarmante. E ancora l’ufficio del governatore non ha dato alcuna risposta a coloro che lo hanno avvertito regolarmente delle chemtrail nei  cieli e del peggioramento di emergenza in tutto lo stato (ad esempio incendi ovunque,  incendi boschivi, fuochi di cespugli, fuochi d’erba, frane e inondazioni, ruggine agli alberi e diffusa peste, foresta crollo, contrazione agricola; la perdita di falde acquifere, evaporazione di laghi e stagni, etc.).


Il Governatore Brown 
ha anche ricevuto prove 
con  immagini satellitari conclusive 
che documentano il ruolo che 
la tecnologia HAARP ha giocato 
nella geoingegneria della siccità in California. 


Le immagini satellitari non mentono, e lasciano ben poco spazio alle interpretazioni errate e i meteorologi esperti sanno come leggerli. Il team esecutivo di Brown ha ricevuto questa prova scientifica inconfutabile e altro ancora. Tuttavia, si sono rifiutati di affrontare il problema in modo ufficiale, e hanno scelto di ignorarlo intenzionalmente dopo l’analisi.



Il Governatore Brown ha visto le stesse Chemtrails come tutti gli altri – Perché si è sempre rifiutato di riconoscerle? 

Il Governatore Brown va a lavorare tutti i giorni proprio come ogni altro californiano. Vede perfettamente le giornate limpide che si trasformano in quelle nuvolose in pochi minuti. 

Nel giro di un’ora di intense irrorazione delle scie chimiche, a volte tesse una inconfondibile scheda in tutto il cielo, le chemclouds si estendono attraverso il cielo azzurro, da un orizzonte all’altro.



A causa di questo fenomeno di geoingegneria, sono state fatte delle previsioni climatiche meteorologiche in tutto lo stato da incompetenti totali, così come lo sono i meteorologi al giorno d’oggi. Come fa un governo statale a funzionare correttamente in uno stato in cui il meteo è ora completamente imprevedibile, ad eccezione di quelli che controllano veramente il tempo? 


Ha il governatore i suoi meteorologi 
con cui consultarsi per attuare delle scelte 
se si verificano eventi climatici disastrosi? 

Egli ha mai convocato la sua commissione di esperti del clima per discutere le ragioni delle nuove tendenze climatologiche che attraversano lo Stato? 

Proprio l’attuale regime di geoingegneria occulta e illegale in California ha esposto il governatore Brown ad essere un  agente politico volutamente negligente che non si prende cura dei bisogni dello stato e dei suoi residenti. 

Eppure, è evidente la configurazione all’interno di un regime centrale di utilizzare la California ad esempio per qualsiasi altro Stato, dovessero mai trasgredire alla venuta del regime ‘legalizzato’ di geoingegneria. 


La California, 
sembra essere l’ingranaggio primario 
nella macchina globale che è stata progettata per realizzare un nuovo ordine mondiale, 

a cui  deve essere somministrato un unico governo mondiale che sarà inizialmente istituito per ‘risolvere’ il cambiamento climatico globale.  Il seguente articolo spiega bene sia la trama che lo scopo alla base di questo schema altamente ambizioso e fatalmente incrinato. 

Non è un caso che il mandato di Jerry Brown come governatore ha un perfetto parallelo con Barack Obama.  Entrambe i politicanti sono riusciti con la cura di immagini a utilizzare e incanalare, l’intera gamma di elettori democratici e di sinistra, liberali e progressisti, dentro un recinto cui far osservare loro inconsueta accettazione di cieche politiche. In questo modo una grossa fetta del corpo elettorale è stato usato per fabbricare il consenso attorno ad alcune degli aspetti più ponderosi che si apprestano sulla strada di tale nascente regime, della gestione del CO2 altamente opprimente.


In Conclusione

Attraverso le sue azioni e inazione, il governatore Brown ha violato la fiducia del pubblico. Il governo della California ha rotto il contratto sociale. Soprattutto a causa di negligenza volontaria l’amministrazione di Brown ha tradito le persone che ha giurato di proteggere. Analogamente, sottraendosi a Sacramento della propria responsabilità più essenziale di salvaguardare lo Stato, costituisce un governo perfido che non può più essere tollerato. 

Alla luce di queste gravi trasgressioni contro le persone e le proprietà, il governatore Jerry Brown deve rammentare, non richiamare lo scrutinio formale significherebbe una profonda mancanza verso delle persone che della California. 

Il suo comportamento relativo alla carica presente ed altre questioni serie esige ora una risposta adeguata da parte del pubblico alle votazioni. Proprio come un altro governatore democratico tristemente inadeguato (Gray Davis) è stato vergognosamente richiamato e sostituito con un candidato del partito di opposizione, possiamo correttamente ricordare in modo, che, sia possibile farlo anche con Jerry Brown. 

In verità, questo governatore si è trasformato in un “fascista delle corporazioni”  [2], la cui infida leadership non deve essere ignorata. Certamente sia l’uomo che l’ambiente stanno soffrendo grandemente per la sua corrotta amministrazione e l’assenza senza precedenti di governo.

Non è mai stato tanto urgente identificare la sostituzione adeguata a Jerry Brown. Qualsiasi potenziale candidato deve avere migliori interessi per il popolo, come sua più alta priorità. Pertanto, è altamente consigliabile iniziare una seria e rigorosa  ricerca del candidato. Il Governatore Brown deve essere rimosso dal suo incarico in tutta fretta e deliberare prima che lo stato della California si blocchi e bruci completamente.

by Concerned Residents of California 3 luglio 2015

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2015/08/siccita-chimica-sulla-california/