lunedì 5 dicembre 2016

La determinazione Indiana vince sul Capitalismo: L'oleodotto non si farà!

sioux

La determinazione Indiana vince sul Capitalismo: L'oleodotto non si farà!





Una vittoria che ha dell’incredibile, giunta dopo 8 mesi di resistenza assoluta, nonostante la repressione, gli arresti e le violenze che hanno dovuto subire da parte della polizia e delle guardie private assoldate dalla compagnia che lo doveva costruire.


Ieri il genio militare degli Usa ha deciso di non approvare la costruzione del tratto di oleodotto che sarebbe dovuto passare sotto ai territori indigeni, dando mandato alla compagnia di studiare dei percorsi alternativi. 


Risultati immagini per sioux oleodotto



Una vittoria improvvisa quanto apparentemente totale e definitiva.


I tecnici dell’Esercito hanno riconosciuto che il tracciato del Dakota Access Pipeline avrebbe messo in pericolo le riserve d’acqua degli insediamenti della nazione indiana del North Dakota. Una decisione giunta dopo mesi di resistenza, che nell’ultimo periodo aveva trovato ampia adesione non solo tra gli attivisti ambientali e per diritti civili, ma anche tra le altre tribù native americane, giunte anche dal Canada per dare sostegno nella lotta ai “fratelli” Sioux.

Risultati immagini per sioux oleodotto
La polizia aveva reagito riportando le lancette dell’orologio indietro di un paio di secoli: procedendo ad arresti di massa tra gli indigeni (oltre 400 in poche settimane) e formulando capi di accusa gravissimi ed intimidatori verso chiunque partecipasse alla proteste, come accaduto al documentarista bianco Deia Schlosberg, accusato di furto di proprietà, manomissione, sabotaggio, danneggiamenti e cospirazione, che secondo la legge americana potrebbero valergli fino a 45 anni di carcere.

Tuttavia la lotta indigena non è arretrata di un passo. 
Ogni giorno in migliaia si radunavano per impedire l’avanzamento dei lavori e per fare presente al mondo che non erano pronti ad accettare questa nuova minaccia al loro diritto ad esistere. La costruzione dell’oleodotto avrebbe infatti non solo invaso il loro territorio durante la costruzione, ma anche messo in pericolo le acque del fiume Missisipi, dal quale gli indigeni traggono l’acqua necessaria alla loro esistenza. Ora la storica vittoria.

Risultati immagini per sioux oleodotto

Fontehttp://www.dolcevitaonline.it/i-sioux-hanno-vinto-loleodotto-non-si-fara/

STORIA PROIBITA DELL'ULTIMA CITTA' EUROPEA LIBERA ED AUTOGESTITA: CHRISTIANIA


Risultati immagini per CHRISTIANIA

STORIA PROIBITA DELL'ULTIMA CITTA' EUROPEA LIBERA ED AUTOGESTITA: CHRISTIANIA





DANIMARCA 26 SETTEMBRE 1971: Un folto gruppo di anarchici, di artisti, squatters, hippie e libertari convinti non si fecero perdere l'occasione di occupare l'abbandonata zona militare di Christianshavn, autogestendola e trasformandola in poco tempo in una vera e propria città indipendente ed autogestita, destinata negli anni a diventare un vero e proprio bersaglio del potere come vedrete tra poco.


Risultati immagini per CHRISTIANIA
L'anarchia ci dicono, significa caos, disordine e violenza, ma queste sono, ovviamente, solo le erronee etichette stampate dagli stessi apparati di potere che non riescono ad accettare che un gruppo di cittadini possa autogestirsi e vivere in santa pace senza il bisogno delle sue leggi, delle sue prigioni, dei suoi tribunali e della sua democrazia.


Ma la città se la città di Christiania ha spento oltre 40 candeline dalla sua fondazione, questo significa che quel tipo di modello sociale funziona, è applicabile e replicabile.



Immagine correlataOltre quarant'anni fa, mentre intere masse di uomini e donne si riversavano nelle fabbriche per "guadagnarsi da vivere", mentre altri fuggivano all'estero in cerca di fortuna e altri ancora si adeguavano alla vita moderna e civilizzata nelle grigie ed inquinate città europee, a Christiania c'era chi fuggiva da tutto questo, da quella parte di Mondo a cui sentiva di non appartenere più e assieme a nuovi compagni di avventure, incurante del colore della loro pelle, delle loro origini e del loro credo, costruivano case, ristoranti, negozi, vivai, gallerie d'arte nell'ex area militare dello stato di Danimarca.



Tutto questo fiorire di vita avveniva senza autorizzazioni esterne, semplicemente ci si accordava tra abitanti e si costruiva dove era più idoneo, stando ben attenti a non perturbare mai troppo Madre Natura.


Risultati immagini per CHRISTIANIA
Ma la città di Christiania non dì faceva paura al potere solo sotto questo punto di vista, ma anche per la sua totale assenza di sindaci, di poliziotti per le strade, di direttori e padroni pronti a comandare e imporre ordini, per la sua mancanza di presidenti e di una gerarchia sociale basata su classi sociali divise in ricchi e poveri, potenti e deboli, a Christiania non esistevano le autorità ed il fatto era molto semplice, i suoi cittadini si consideravano alla stessa altezza, ne più ne meno dei propri simili e su questo basavano la loro reciproca fiducia, vi stupirà venire a conoscenza che nella città di Christiania la criminalità è stata pressoché sconosciuta a differenza delle civilizzate e progredite città europee statalizzate.



Gli attacchi alla libera città di Christiania da parte dello Stato Danese furono molteplici negli anni, ma i più fallirono, come quando egli decise di sfrattare le famiglie indipendenti dalle loro abitazioni, ma gli abitanti dopo lunghe proteste riuscirono a rivendicare i propri diritti e lo Stato fù costretto a riconoscere la libertà di questo fin troppo riuscito esperimento sociale.



A CHRISTIANIA NON SI PAGANO LE TASSE:



Altro punto importante della storia di Christiania è la sua totale assenza di tasse ed il motivo è molto semplice, la comunità di poco più di 1000 anime non ha caste da mantenere, di conseguenza la ricchezza interna gira viene divisa sempre tra gli stessi abitanti ed in eguale misura.


Risultati immagini per CHRISTIANIALa città di Christiania decise di pagare allo Stato della Danimarca solo l'acqua e l'elettricità da loro fornita, tutte le decisioni sociali dal 1971 avvengono tramite assemblee pubbliche dove il confronto è aperto, non si elegge dunque nessuno. L'assenza inoltre di una struttura gerarchia della società ha permesso nei suio quarant'anni di esistenza ai suoi abitanti di vivere in pace e armonia, assicurando a tutti anche i servizi indispensabili alla comunità.



Il servizio sanitario di Christiania infatti è impeccabile, la città è costantemente mantenuta pulita dai suoi stessi abitanti, così giardini, orti e frutteti, all'interno di questa città troviamo anche piccole scuole, una biblioteca, una piccola radio, un servizio postale eccellente e diverse aree sport e di intrattenimento.



A CHRISTIANIA NON ESISTONO PRIGIONI:



Immagine correlata
La comunità composta da vecchi hippie, artisti, anarchici e libertari, dipinti ovunque dai Media come sbandati, criminali, senza voglia di lavorare e drogati, hanno invece assicurato nei quarant'anni di esistenza della città di Christiania una convivenza felice e senza criminalità. In questa città non esistono prigioni e tanto meno agenti in divisa pronti a mantenere l'ordine, ed il motivo è evidente, le uniche leggi da rispettare sono quelle del buon senso che ognuno di noi conosce. L'essere umano inserito in un contesto sociale come quello di Christiania è teso naturalmente alla cooperazione invece che alla competizione come invece accade quotidianamente nel modello democratico



Tuttavia a Christiania sono state imposte alcune regole fondamentali per il buon vivere di tutti:



- NIENTE DROGHE PESANTI (Amesse invece marijuana e psichedelici naturali. La natura non si illegalizza!)



- ABITARE UNA CASA PER ALMENO 6 MESI.



- NIENTE ARMI.



- NIENTE AUTOMOBILI. (Chi possiede una vettura la deve parcheggiare all'esterno della città per non ostacolare la tranquillità cittadina, i camion che trasportano merci e rifornimenti solitamente lo fanno solo in ore notturne e all'alba, quando le strade sono deserte.)





LA REPRESSIONE AVANZA:



Risultati immagini per christiania polizia
Nel 2007 un nuovo attacco da parte dello Stato Danese viene effettuato sulla libera città di Christiania, nascono degli scontri con la polizia e viene abbattuto un edificio dalle ruspe delle Stato.

Il motivo? Iniziare a distruggere le prove che l'autogestione sociale esiste e che soprattutto è efficace e garantisce benessere e prosperità.


Christiania fa paura, la piccola città infatti è da anni una della maggior mete turistiche europee, preferita dai giovani rispetto alle grandi città storiche del continente.





IL PROBLEMA CANNABIS:



Non potendo sfrattare i suoi residenti in modo coatto, al potere non è rimasto che giocarsi la carta della droga.


Risultati immagini per christiania hashish
Come abbiamo detto a Christiania sono bandite le droghe pesanti, ma non quelle leggere e da qui negli anni è nato un vero e proprio mercato della cannabis con tanto di bancherelle, di conseguenza l'afflusso di visitatori/consumatori è aumentato, dando così al governo danese e alla sua polizia la scusa buona per creare incursioni con tanto di sparatorie, così nel settembre 2016 sono gli stessi abitanti di Christiania ad aver deciso di smantellare il quartiere di Pusher Street, dove si vendeva libera la Cannabis.





L'ULTIMO ATTACCO ALLA CITTA' LIBERA:



In sostanza Christiania oggi è ancora viva, ma i costanti attacchi del potere negli anni sembrano aver affiacchito lo spirito dei loro padri fondatori. 

Risultati immagini per christiania poliziaSono seguiti ben 19 anni di guerre tra la polizia e i suoi abitanti, battaglie in cui la polizia voleva portare Christiania in linea con gli altri distretti all’interno di Copenhagen: privare quindi i cittadini del loro diritto alla ribellione e vietando di utilizzare l’area. 

Tuttavia gli abitanti hanno desistito e lottato in prima persona per la loro città libera ed ora la città libera di Christiania possiede la metà di tutti gli edifici della zona e affitta l’altra metà ancora sotto la protezione del governo per il suo valore storico.


Risultati immagini per CHRISTIANIAMolte delle case in Christiania sono state costruite dagli abitanti stessi e alcune non riescono a soddisfare gli standard di salute/sicurezza sono prive di cose come l’acqua e l’elettricità. Questo è solo uno dei motivi per cui il governo vorrebbe ancora mettere fine a questo villaggio hippie  tendente al paradiso.


Questa ovviamente è solo una scusa per spingere i suoi residenti ad omologarsi al modello statale proposto, in questo modo, una volta ceduta la volontà dei suoi abitanti, anche Christiania diverrà una città come tante, non più autogestita, ma statalizzata, dove per costruire bisognerà chiedere il permesso alle autorità.


Risultati immagini per CHRISTIANIADove bisognerà seguire determinate norme sulle costruzioni, si dovranno pagare geometri, architetti, notai, operai specializzati, imbianchini, muratori e questo significherà aprire nuovi mutui, indebitandosi con le banche come un comune cittadino di città.

Ecco dunque l'ultimo attacco alla città libera, l'omologazione della città stessa...

Ed una volta giunti a questo punto Christiania sarà perduta, si introdurranno le tasse e la polizia per le strade e gli hippie, gli artisti, gli anarchici e i libertari diverranno a loro volta degli scontati cittadini, non più padroni delle proprie vite, ma schiavi del sistema dominante.

Daniele Reale





INDIA: Governo toglie denaro contante, folla inferocita aggredisce i banchieri

Risultati immagini per india banchieri


INDIA: Governo toglie denaro contante, 
folla inferocita aggredisce i banchieri 




India, banchieri picchiati dai cittadini indignati: manca il denaro contante La decisione del Governo indiano ha paralizzato il Paese, lunghe file davanti agli sportelli Bancomat.


La lotta alla corruzione e al terrorismo mediante la demonetizzazione non sta dando buoni frutti in India. Il Governo avrebbe perlomeno dovuto immaginare che togliere all'improvviso gran parte del denaro contante agli indiani avrebbe creato seri problemi. Negli ultimi giorni, nella nazione, si sono formate lunghissime file davanti agli sportelli bancomat delle banche.

Risultati immagini per india banchieriIn India è quasi impossibile trovare cash. Il Governo indiano ha deciso, di punto in bianco, di eliminare l'86% del denaro contante presente nel Paese (rappresentato da banconote di taglio medio) per favorire l'utilizzo della moneta elettronica. In India, adesso, è arduo trovare cash. Per racimolare qualche banconota bisogna attendere tante ore davanti agli sportelli bancomat dei maggiori istituti bancari della nazione. E' vicino il giorno di paga per oltre un miliardo di persone e, quindi, la situazione potrebbe aggravarsi. 

Bisogna ricordare che in India il 78% dei pagamenti viene effettuato in contanti. Non è stata un'esperienza felice, dunque, per moltissime famiglie, imprenditori e commercianti il ritiro di gran parte del denaro contante in circolazione.

Gli indiani sono quindi in ginocchio, ma non se la passano bene neanche i banchieri. Molti di questi, infatti, sono stati aggrediti e malmenati dalla folla inferocita. Sembra che alcuni dipendenti delle banche indiane siano stati obbligati dalla gente a restare nelle filiali.

Le banche indiane non hanno denaro contante per tutti.
Risultati immagini per india banchieriC'è poco cash in circolazione in India e quello disponibile viene 'polverizzato' nel giro di pochissimo tempo. In una filiale della Bank of India, uno dei maggiori istituti di credito del Paese, il denaro contante a disposizione (600.000 rupie circa) è finito nell'arco di un'ora. Un dirigente della banca ha spiegato che, generalmente, nella cassa della banca c'erano oltre un milione di rupie, ogni giorno.

Il segretario generale dell'associazione dei dipendenti delle banche indiane, C H Venkatachalam ha dichiarato che in India non ci sono banche dotate di denaro contante per tutti, quindi l'ira della gente si orienta verso i banchieri, che vengono picchiati e chiusi nelle filiali dall'esterno. 


Fontehttp://it.blastingnews.com/cronaca/2016/12/india-banchieri-picchiati-dai-cittadini-indignati-manca-il-denaro-contante-001300035.html?sbdht=_pM1QUzk3wsd3ev7Rc_XxkLWj0Ga9Qq9Wsy4usHKNj_o-Ma-KxzUMUw2_