domenica 28 maggio 2017

La Scienza corrotta delle Lobby non tollera i medici contrari alle vaccinazioni

Risultati immagini per dario miedico


Di comilva.org:
Lo stimatissimo e benvoluto ricercatore, perito forense Dr. Dario MIEDICO è stato radiato il 23 maggio 2017 dall’ordine dei medici.

Esterrefatti, siamo tutti senza parole per tale evento che pare far ritornare l’Italia ai tempi del nazi-fascismo, ma crediamo fortemente che sia una mossa voluta e pianificata che si inserisce in un perfido meccanismo più grande.


Risultati immagini per dario miedico
La scienza ha deciso di imbavagliare chi non si allinea completamente con le direttive fornite. Nessuno di noi, medici compresi, può manifestare ora come ora, il proprio dissenso e il proprio sdegno per le decisioni e le misure prese in ambito vaccinale

Invitiamo tutti a manifestare il proprio risentimento scrivendo liberamente all’ordine dei medici di Milano: info@omceomi.it stampa@omceomi.it


Dario Miedico non è solo in questa battaglia: con lui ci sono migliaia di genitori, migliaia di danneggiati da vaccino.

Tutti insieme siamo protagonisti di un pezzo importante della storia del nostro paese…


Facciamo sì di lasciare il segno della capacità del popolo italico di (ri)trovare la voglia e la capacità di reagire e, se necessario, d’iniziare una vera e propria rivoluzione civile.

Il medico Dario Miedico che è stato recentemente radiato dall'ordine aveva poco tempo fa affermato:





"I vaccini sono un atto importante che ha modificato la storia dell’uomo. Ma considero l’obbligo una mancanza di libertà.

Non sono contrario ai vaccini, ma all’obbligo della somministrazione. Negli ultimi mesi il ministero della Sanità ha fatto delle prese di posizione che non condivido. Una legge che imponga dodici sieri è folle"




Il medico spiega poi gli interessi e gli ostacoli che gli si sono alzati di fronte non appena ha deciso di essere obbiettore di coscienza riguardo a provvedimenti ingiusti:



"Ci sono moltissimi studi in proposito, anche sui legami con l’autismo. E poi la mia esperienza di medico legale nelle cause legate alle conseguenze dei vaccini. 

Negli ultimi tre anni però le ho perse tutte, in seguito alla campagna contraria a qualsiasi obiezione."














sabato 27 maggio 2017

Tanto civilizzati, da aver dimenticato perfino il modo corretto di mangiare


L'immagine può contenere: 1 persona




NOI E IL CIBO:

- Gli animali selvaggi mangiano solo quando hanno fame, ma l'uomo vittima dell'abbondanza del cibo, è un'eccezione da questa regola. Quando hai fame sai intuitivamente quali prodotti servono all'organismo: mangiando quando si ha la fame si può in breve tempo eliminare l'accesso di peso, ripulirsi dalle scorie e restituire la salute perduta.

- Dopo aver riempito lo stomaco a metà, lascia un quarto del suo volume per l'acqua e un altro quarto per la libera circolazione del cibo che va digerito..-

- Vivi mantenendo la calma, e quando mangi non avere fretta per mangiare di più, anche se stai mangiando chissà quale prelibatezza.


Il cibo deve rimaner in bocca finché si sente il suo sapore: questa tecnica permette di ricavare il massimo delle sensazioni gustative con un minimo di cibo (un terzo della razione abituale). Il senso della sazietà dipende non dalla sensazione di pienezza dello stomaco, dipende dalla quantità dei segnali che arrivano al cervello dai recettori della bocca e dei denti. Questa tecnica permette di evitare l'obesità e l'accumulo delle scorie. -

- Nessun uomo - a meno che lui non sia malato o deviato dalle abitudini del mondo "civilizzato" - avrà fame subito dopo essersi alzato. 

Un debole bisogno del cibo potrebbe manifestarsi non prima di un'ora dopo il risveglio, ma questo non assomiglia alla fame che arriva almeno dopo 4 ore, e spesso anche dopo più di 4 ore dopo essersi alzati. ...




E ciò che ci fa sentirsi costantemente "preoccupati" per il cibo, di regola, non è la fame, è una reazione agli stress della vita moderna




- Qualsiasi proprietario di una macchina sa bene che il suo funzionamento dipende dalla purezza della benzina, dell'olio e dell'aria nel motore. 

Ma a molti risulta difficile capire che l'organismo umano necessita di un carburante pulito, della manutenzione e della profilassi: 

fumano, bevono, assumono le droghe, perdono la forza vitale con l'eccesso di sesso, mangiano ciò che non è affatto cibo. Non hanno tempo o sono pigri. 

Mentre un organismo vivente necessita molto meno rispetto ad una macchina, perché sa risparmiare e difendersi, possiede dei meccanismi di autopulizia ed autoripristino. E se non lo ostacoli, per molti anni non avrai bisogno di sostituire i ricambi.-




giovedì 25 maggio 2017

Mamma in sciopero della fame contro le vaccinazioni obbligatorie. A questo ci hanno portato!

Risultati immagini per sciopero della fame


Articolo di Silvia Manzani:



Lo sciopero della fame lo ha iniziato lunedì: “Solo acqua e caffè d’orzo”. 

Maria Cristina Reciputi, 48 anni, psicologa, si è incatenata ieri sera in Piazza Saffi a Forlì, davanti alla sede del Comune, per protestare contro il decreto legge che impone dodici vaccinazioni obbligatorie per i bambini che frequentano dal nido alle scuole dell’obbligo, prevendo l’esclusione per la fascia 0-6 anni e sanzioni ai genitori alle elementari e medie, fino alla perdita della potestà genitoriale.

Maria Cristina, che ha tre figli di tredici, dieci e otto anni, ha voluto seguire l’esempio di Giorgio Gustavo Rosso, l’editore del gruppo Macro che si è incatenato domenica a Cesena: 





Quando ho letto il decreto, la prima reazione è stata quella di andarmene all’estero, in uno dei Paesi dove l’obbligo vaccinale non c’è, pur di non farmi rovinare la vita. 

Poi mi sono ricordata della protesta non violenta e ho deciso di seguire questa strada. Non mangerò almeno fino al 15 giugno“.




Nessuna paura di non farcela: “Prima di diventare mamma ho sperimentato qualche digiuno terapeutico, arrivando fino a 21 giorni senza cibo. Non temo nulla. Quello che mi distingue da Rosso, è che i miei figli hanno fatto l’anti-tetanica. Per il resto, non mi sono mai descritta come anti-vax. 

Sono semplicemente contro l’obbligo, contro l’imposizione, contro le minacce alle famiglie. Il fascismo e il nazismo li ho già studiati sui libri di scuola, non credevo potessero tornare”.


Maria Cristina ha iniziato a leggere e informarsi sui vaccini molto tempo fa, mossa da curiosità accademica, visto anche il suo mestiere: “Quello che ribadisco è che se le Asl fanno firmare ai genitori un foglio in cui si assumono tutte le responsabilità rispetto alle conseguenze dei vaccini, significa che non c’è da stare così tranquilli. Io non sono un medico né un ricercatore. 

Quale responsabilità posso prendermi?“.


Non avendo un profilo Facebook, Maria Cristina starà lontano da eventuali reazioni negative o insulti: “So che molte persone verranno a farmi compagnia, il resto non mi interessa. Non sono una talebana del salutismo, ogni tanto fumo anche qualche sigaretta. Sono solo a favore della libertà di vaccinare o non vaccinare i propri figli”. 


Fontehttp://www.emiliaromagnamamma.it/2017/05/vaccini-mamma-si-incatena-forli-non-mangero-almeno-meta-giugno/